Mobilità scuola 2019 interprovinciale: quante preferenze nella domanda

di Giovanna Onnis

item-thumbnail

Mobilità interprovinciale e mobilità provinciale: stesso modulo per stessa tipologia di movimento . Quante preferenze per il movimento interprovinciale?

Una lettrice ci scrive:

Sono una docente di scuola primaria che vorrebbe partecipare alla prossima mobilità interprovinciale 2019/2020. Vorrei sapere se nella domanda da effettuare le 15 preferenze da esprimere devono riferirsi ad un’unica provincia (scuole o comuni?) oppure se nelle 15 preferenze è possibile chiedere più di una provincia magari vicino a quella di interesse

La domanda di mobilità provinciale e interprovinciale viene effettuata, per la stessa tipologia di movimento, cioè trasferimento oppure passaggio di ruolo o passaggio di cattedra, compilando un modulo unico, specifico per il tipo di movimento richiesto e per lo specifico ordine o grado di istruzione

Preferenze sia provinciali che interprovinciali

Le preferenze esprimibili nella domanda di mobilità per il prossimo anno scolastico, sia mobilità territoriale che professionale, possono essere in totale 15, comprensive di scuole, distretti, comuni e province,  come esplicitato nell’art.6 comma 1 del CCNI:

Ciascun docente potrà esprimere con un’unica domanda fino a quindici preferenze indicando le scuole, ovvero un codice sintetico (comune o distretto) sia per la mobilità provinciale che per quella interprovinciale; in tale ultimo caso sarà possibile esprimere anche codici sintetici di una o più province

Nella stessa domanda, quindi, sarà possibile esprimere preferenze sia all’interno della provincia di titolarità che per altre province anche di regioni diverse.

Non esiste dal punto di vista normativo, all’interno delle 15 consentite, un numero minimo o massimo di preferenze provinciali e di preferenze interprovinciali, in quanto il docente è libero nella scelta e, volendo, potrebbe inserire anche 15 province diverse con preferenza sintetica

Tutto sulla Mobilità 2019

Invia il tuo quesito a [email protected]

Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.
Per le istituzioni scolastiche. Consulenza specifica e risposta garantita. Gratuitamente [email protected]

Versione stampabile
Argomenti:
ads ads