Mobilità insegnanti, il M5S siciliano chiede controlli serrati sulle 104

di redazione
ipsef

item-thumbnail

All’indomani degli esiti dei trasferimenti della scuola primaria, divulgati il 1° giugno scorso, i docenti ancora una volta delusi dalla mancata accettazione della domanda constatano come il contingente del 30% destinato alla mobilità interprovinciale sia quasi interamente assorbito dalle precedenze, legate alla legge 104/92.

Il deputato regionale del Movimento 5 Stelle, Giovanni Di Caro è subito intervenuto con un post su Facebok

“Venerdì scorso sono state pubblicate le graduatorie degli insegnanti aventi diritto ai trasferimenti, presso le sedi di scuola primaria più vicine alla propria residenza. Si registra ancora una volta un’altissima percentuale di aventi diritto di precedenza ai sensi della legge 104. Chiederò immediatamente l’elenco degli aventi diritto alla 104 e controlli ancora più serrati. Ovviamente chi ha realmente diritto alla legge 104 non ha nulla da temere!”

Un’analisi dei dati è contenuta in Mobilità 2018/19, in alcune province trasferimenti 100% con 104. Alcuni dati e proprio la Sicilia ancora una volta detiene il record dei movimenti effettuati sulla base di precedenze.

Un annoso problema per la scuola, pgià preso in carico da Ministri e sottosegretari precedenti, finora senza alcun esito. I docenti sperano ancora una volta in un cambiamento.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione