Mobilità: i giudici danno ragione all’Anief e annullano il CCNI che discrimina i precari

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il Tribunale del Lavoro di Trieste, infatti, su ricorso patrocinato dall’Avv. Mirella Pulvento, ha evidenziato come “La ragione oggettiva del trattamento differente tra docenti a tempo determinato e a tempo indeterminato, risiederebbe, secondo il convenuto, nell’esigenza di garantire il fondamentale principio della continuità didattica.

 La disposizione del contratto collettivo prevede, genericamente, la necessità di aver maturato un quinquennio di anzianità nella stessa tipologia di posti e non anche con lo stesso alunno. Orbene, nel caso di specie, il ricorrente ha senz’altro maturato tale anzianità, e non si comprende quale sarebbe la ragione oggettiva che non consente di equiparare la sua situazione a quella analoga di un collega, però impiegato a tempo indeterminato. Ne discende che la disposizione di cui all’art. 24 del CCNL appare discriminatoria e, quindi, deve essere disapplicata in quanto difforme alla citata clausola 4”. Il Giudice del Lavoro di Pisa, nel dare piena conferma alle tesi patrocinate per l’Anief dall’Avv. Simona Rotundo, specifica anche che “il MIUR fa riferimento ad un’esigenza di continuità didattica per gli studenti disabili, ma è evidente che per soddisfare tale esigenza ben potrebbero essere individuate soluzioni non penalizzanti per i lavoratori a tempo determinato, ad esempio prevedendo una permanenza nel sostegno per un periodo minimo, senza distinguere tra preruolo e ruolo”.

“Abbiamo ancora una volta avuto ragione in tribunale e dimostrato che il contenuto della contrattazione integrativa sulla mobilità è discriminatoria per quanto riguarda le previsioni sul precariato – commenta Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal – e lo è ancora di più nelle tabelle che attribuiscono punteggio deteriore al servizio preruolo. Le Graduatorie interne d’istituto sono state formulate discriminando il lavoro precario e valutandolo in modo discriminatorio rispetto a quello di ruolo; la giurisprudenza europea, infatti, ha affermato che lo Stato ha l’obbligo di vigilare affinché tra contratto a termine e contratto a tempo indeterminato non vi sia un trattamento globalmente sfavorevole all’interessato quando l’oggetto del suo incarico e la natura delle sue funzioni restano invariati”.

L’Anief ricorda che sulla mobilità ha attivato una serie di ricorsi volti alla tutela e al rispetto dei diritti dei lavoratori della scuola purtroppo, e ancora una volta, violati con il CCNI sulla mobilità 2017/18.

Per ulteriori informazioni e aderire ai ricorsi Anief, clicca qui

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione