Argomenti Chiedilo a Lalla

Tutti gli argomenti

Mobilità e immissioni in ruolo: come vengono ripartiti i posti

Stampa

I criteri di ripartizione dei posti da destinare alla mobilità e alle immissioni in ruolo 2020/21 sono  stabiliti nel contratto sulla mobilità. Nessuna aliquota per  i trasferimenti provinciali

Una lettrice ci scrive:

Quest’anno ho fatto la domanda di trasferimento da posto di sostegno a posto comune.  Desidero sapere quanti sono i posti che saranno destinati  alla mobilità  e quanti invece sono destinati alle assunzioni di ruolo

I posti vacanti e disponibili per il prossimo anno scolastico vengono utilizzati per la mobilità e le immissioni in ruolo sulla base dei criteri di ripartizione stabiliti nel CCNI sulla mobilità.

Da questa ripartizione devono essere esclusi i posti di Quota 100 “liberati” con i pensionamenti  per il 2019/20, posti che saranno destinati alle immissioni in ruolo, mediante assunzioni straordinarie che avranno decorrenza giuridica dal 1° settembre 2019 ed economica dal momento di effettiva assunzione in ruolo, a partire, quindi,  dal 1° settembre 2020.

Queste assunzioni straordinarie sono previste entro i primi di giugno e, come abbiamo chiarito nel nostro articolo, si svolgeranno con gli stessi criteri delle operazioni di agosto. I posti a disposizione saranno suddivisi al 50% tra GaE e graduatorie dei concorsi (2016 e 2018)

Per quanto riguarda le altre disponibilità utilizzabili per le operazioni di mobilità e immissioni in ruolo per il prossimo anno scolastico vediamo quali sono i criteri di ripartizione.

Trasferimenti provinciali

Questi movimenti non sono condizionati da alcuna aliquota e vengono disposti, infatti, su tutti i posti vacanti e disponibili come risultanti nell’organico delle diverse istituzioni scolastiche

A conclusione dei trasferimenti provinciali si conteggiano i posti da destinare agli altri movimenti.

Il computo viene fatto su precise percentuali calcolate sul residuo, cioè sui posti rimasti vacanti dopo i trasferimenti provinciali.

Immissioni in ruolo 2020/21

Le immissioni in ruolo vengono fatte sul 50% dei posti rimasti disponibili al termine dei trasferimenti provinciali.

Trasferimenti interprovinciali 2020/21

Ai trasferimenti interprovinciali è destinata una precisa aliquota calcolata sul restante 50% dei posti rimasti disponibili al termine dei trasferimenti provinciali.

Per il prossimo anno scolastico ai trasferimenti interprovinciali è destinato il 30% delle disponibilità

Mobilità professionale provinciale e interprovinciale 2020/21

A tutta la mobilità professionale è destinata la restante aliquota calcolata sempre sul 50% dei posti rimasti disponibili al termine dei trasferimenti provinciali.

Per il prossimo anno scolastico ai passaggi di cattedra e ai passaggi di ruolo, sia provinciali che interprovinciali, è destinato, quindi,  il 20% delle disponibilità

Conclusioni

Se il movimento chiesto dalla nostra lettrice riguarda la provincia di titolarità, si tratta di un trasferimento che sarà disposto nella II fase della mobilità e precederà sia i trasferimenti interprovinciali che la mobilità professionale,  movimenti che rientrano nella III fase della mobilità.

Le aliquote indicate sopra non interessano i trasferimenti provinciali, ma solo i movimenti della III fase, quindi per il trasferimento che  interessa la nostra lettrice  saranno presi in esame tutti i posti che risulteranno disponibili nel momento in cui valuteranno la sua domanda, senza limitazioni o aliquote da rispettare

Stampa
Chiedilo a Lalla

Invia il tuo quesito a [email protected]
Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.
Per le istituzioni scolastiche. Consulenza specifica e risposta garantita. Gratuitamente [email protected]

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia