Mobilità e Graduatoria interna 2023: partecipazione agli esami Maturità, un punteggio speciale per il periodo 1998/2001

WhatsApp
Telegram

Nella mobilità e nella graduatoria interna di istituto al docente, che ha partecipato agli esami di Stato conclusivi del secondo ciclo di istruzione, spetta l’attribuzione del previsto punteggio. Quanti punti? Quali anni sono da considerare?

Domande

Le domande di mobilità (trasferimenti e passaggi di ruolo/cattedra), come prevede l’articolo 2 dell’OM che disciplina la mobilità a.s. 2023/24 e le modalità applicative delle disposizioni del CCNI 2022/25, si presentano dal 6 al  21 marzo 2023, tramite Istanze Online.

Quanto alle date di presentazione delle domande, per aggiornare la graduatoria interna di istituto, le stesse sono definite dalle singole scuole, fermo restando che la graduatoria va predisposta e pubblicata entro i 15 successivi alla data ultima di presentazione delle domande di mobilità (ossia entro il 5 aprile 2023) e che vanno valutati i titoli conseguiti entro la data ultima di presentazione delle predette istanze.

Punteggi e tabelle

La valutazione dei titoli e dei servizi nella mobilità territoriale (trasferimenti a domanda e d’ufficio) e nella graduatoria interna di istituto avviene in base alla Tabella ATabella di valutazione dei titoli ai fini dei trasferimenti a domanda e d’ufficio del personale docente ed educativo“, allegata al CCNI 2022/25. Nel caso dei trasferimenti d’ufficio e della graduatoria interna di istituto si devono tenere in considerazione le precisazioni relative alla mobilità (trasferimenti) d’ufficio.

Quanto ai passaggi di ruolo/cattedra, la valutazione di titoli e servizi avviene in base alla Tabella B Tabella di valutazione dei titoli ai fini della mobilità professionale del personale docente ed educativo“, allegata al CCNI 2022/25.

Precisiamo che:

  • nel caso dei trasferimenti, i docenti che fruiscono di una delle precedenze, di cui all’articolo 13, comma 1, della succitata Ipotesi di contratto, ottengono il movimento prima dei colleghi senza precedenza, a prescindere dal punteggio (le precedenze si applicano ai soli trasferimenti, eccetto la prima – docenti non vedenti ed emodializzati – che vale anche per i passaggi);
  • nel caso della graduatoria interna interna di istituto, sono esclusi dalla stessa i docenti che fruiscono delle procedenze di cui al citato articolo 13 del CCNI punti I, III, IV e VII.

Esami di stato: anni interessati e punteggi

Nel punto H – sezione A3 della Tabella A e nel punto I – sezione B2 della Tabella B leggiamo quanto segue:

H) per ogni partecipazione agli esami di stato conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria superiore di cui alla legge 10/12/97 n. 425 e al D.P.R. 23.7.1998 n.323, fino all’anno scolastico 2000/2001, in qualità di presidente di commissione o di componente esterno o di componente interno, compresa l’attività svolta dal docente di sostegno all’alunno disabile che sostiene l’esame Punti 1 

Dunque, il punteggio in esame spetta al seguente personale e alle condizioni di seguito indicate:

  • il punteggio spetta al personale docente che ha partecipato agli esami di Stato conclusivi del secondo ciclo di istruzione, in qualità di commissario interno (compresi i docenti di sostegno), di commissario esterno e di Presidente di commissione;
  • spetta un punto per ogni partecipazione ai suddetti esami, svolgendo uno dei ruoli sopra indicati (commissario interno, esterno e Presidente);
  • è possibile valutare la partecipazione agli esami di Maturità, svolti sino all’a.s. 2000/2001;
  • considerato che non è specificato nulla, l‘attribuzione del punteggio spetta anche nel caso in cui gli esami siano stati svolti durante gli anni non di ruolo;
  • non è possibile attribuire punteggio per la partecipazione ai succitati esami svolti dall’a.s. 2001/02.

Evidenziamo che i criteri e il punteggio sopra indicati sono i medesimi sia nella mobilità (trasferimenti e passaggi di ruolo/cattedra) che nella graduatoria interna di istituto.

La valutazione di questo punteggio può essere fatta, quindi,  a decorrere dall’anno  scolastico 1998/99 e fino all’anno scolastico 2000/2001.

Gli anni scolastici nei quali è possibile valutare questo punteggio, sono quindi tre (1998/99-1999/2000-2000/2001) ed è pertanto possibile totalizzare per questa voce un punteggio massimo di 3 punti

A tal fine il docente dovrà allegare alla domanda di trasferimento una dichiarazione personale nella quale indicherà gli anni scolastici e le scuole in cui ha svolto gli esami di Stato (all’interno del triennio indicato) e la tipologia di nomina (commissario interno, commissario esterno o presidente).

Mobilità docenti 2023/24, compilare la domanda senza commettere errori. Con guida PASSO DOPO PASSO divisa in capitoli

WhatsApp
Telegram

Eurosofia: un nuovo corso intensivo a cura della Dott.ssa Evelina Chiocca: “Il documento del 15 maggio, l’esame di Stato e le prove equipollenti”