Mobilità: docenti trentini penalizzati nei trasferimenti interprovinciali. Lettera

WhatsApp
Telegram

Il.mo Presidente, in considerazione del piano di mobilità straordinaria previsto per l’anno in corso al comma 108 della Legge 107/15 a livello nazionale, siamo a chiederLe la concessione di una deroga alla L.P. 5/2006, precisamente al comma 2 dell’art. 94, laddove si stabilisce il vincolo quinquennale di permanenza in PAT dopo l’assunzione in ruolo.

Esigenze, soprattutto, di natura familiare ci spingono ad insistere affinché anche a noi venga data la possibilità di ricongiungerci alle nostre famiglie.

Restando così le cose, ci vedremmo penalizzati e discriminati rispetto ai nostri colleghi del resto d’Italia, i quali, potranno, invece, trasferirsi senza alcuna difficoltà nei loro paesi di provenienza, anche dopo un solo anno dall’assunzione.

Inoltre, a seguito di tale mobilità, saranno occupati, quasi certamente, tutti i posti disponibili, pertanto, fra tre anni – tempo necessario per poter chiedere il trasferimento interprovinciale – ci saranno ben poche possibilità di ottenerlo a causa della mancanza di questi.

Certe che la nostra richiesta sarà da Lei valutata, La ringraziamo in anticipo per quanto potrà fare e con l’occasione Le porgiamo cordiali saluti.

Le insegnanti:

Sabrina Pano

Loretta De Cicco

Sofia Grassucci
Giovanna De Cicco

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur