Mobilità docenti, trasferimenti con presunte precedenze false. Scatta l’inchiesta

Mobilità, aumento dei trasferimenti dei docenti in provincia di Salerno. Alcuni casi sospetti, scatta l’inchiesta. 

L’inchiesta mira ad accertare la veridicità dei titoli di preferenza /precedenza dichiarati nella domanda di mobilità a.s. 2019/20. La provincia sotto esame è, al momento, quella di Salerno.

Sette al momento i casi sospetti, ma secondo quanto riferito a Il Mattino da un funzionario dell’amministrazione scolastica “Si stanno facendo i dovuti riscontri documentali con verifiche incrociate tramite Inps

Intervento del M5S

Proprio nei giorni scorsi le On. Villani e Barbuto (M5S) hanno presentato una interrogazione a Bussetti perchè venga avviata una verifica sull’elevato numero di 104 nell’ambito dei trasferimenti dei docenti. 

Ci insospettisce – scrivono le deputate –  il boom di richieste arrivate in forza alla Legge 104, la conseguenza che si verifica è che docenti che non vantano alcun servizio preruolo, con pochissimi punti o addirittura esclusivamente con i punti di un concorso superato diversi anni fa, hanno sorpassato e continuano a sorpassare docenti con una consistente anzianità di servizio e ciò per il terzo anno consecutivo.”

L’inchiesta di Salerno è però partita in seguito alla richiesta di accesso agli atti presentata dai docenti controinteressati, che per effetto di queste precedenze non hanno ottenuto il trasferimento.

Ci auguriamo che l’inchiesta riveli la veridicità dei titoli presentati, a garanzia di tutti i docenti coinvolti nella procedura.

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia