Mobilità, docenti sostegno: no a riduzioni percentuali trasferimenti

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Forte presa di posizione da parte del gruppo Nessuno mi può vincolare (ex sostegno doc) che conta 7.500 iscritti.

Il gruppo è intervenuto all’indomani della proposta del Miur di ridurre al 50% i trasferimenti provinciali da sostegno a materia.

Il gruppo ‘Nessuno mi può vincolare’ ha considerato che “tutti i docenti assunti su sostegno sono titolari della cdc curricolare, immessi in ruolo su tipo di posto sostegno con vincolo quinquennale. È pertanto assolutamente illegale proporre una percentuale sui trasferimenti, visto che il sostegno non è, ad oggi, una cdc specifica e separata, e che tutti noi siamo docenti curricolari con, anche, titolo di specializzazione su sostegno”.

Sulla base di questa considerazione, il gruppo ha dedotto che “il 50% a quel punto dovrebbe interessare tutti i docenti”. A sostegno della posizione, il gruppo ricorda che i docenti hanno vinto “centinaia di ricorsi con riconoscimento del servizio preruolo svolto su sostegno ai fini del vincolo quinquennale” Annuncia che “se passasse la proposta aberrante del 50% saremmo in migliaia a inondare di ricorsi il Miur, bloccando ogni tipo di mobilità”.

Il gruppo è pronto, “in caso di successo della suddetta proposta” a intraprendere iniziative di protesta estrema. Secondo ‘Nessuno mi può vincolare’, “demotivare i docenti di sostegno non può fare altro che abbassare sensibilmente le motivazioni e la qualità dell’insegnamento inclusivo stesso. Ritieniamo pertanto offensiva la proposta del Miur – mai nessun governo aveva osato tanto, alla faccia del cambiamento – e invitiamo tutti i docenti di sostegno a seguire il nostro gruppo e la nostra pagina ormai storica, perché nessuno deve e può umiliarci fino a questo punto”.

Il gruppo lancia un appello alle forze sindacali: “Confidiamo nella forza dei sindacati per contrastare queste proposte. Diciamo no all’esclusione e alla ghettizzazione dei docenti di sostegno”.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione