Mobilità docenti, alcuni hanno ottenuto il trasferimento ma vogliono rinunciare. Come fare?

WhatsApp
Telegram

Qualche docente ci scrive chiedendo come rinunciare al trasferimento ottenuto, perché le condizioni che avevano indotto a presentare la domanda non sono più le stesse. E’ possibile rinunciare al trasferimento ottenuto? Entro quanto tempo?

Rinuncia movimento

Cosa può fare il docente che non ha presentato domanda di revoca e non è più interessato al trasferimento richiesto? Può rifiutare il movimento ottenuto?

La risposta è fornita dal articolo 5/5 dell’OM 36/23:

Non è ammessa la rinuncia, a domanda, del trasferimento concesso, salvo che tale rinuncia venga richiesta per gravi motivi sopravvenuti debitamente comprovati e a condizione, altresì, che il posto di provenienza sia rimasto vacante e che la rinuncia non incida negativamente sulle operazioni relative alla gestione dell’organico di fatto. Il posto reso disponibile dal rinunciatario non influisce sui trasferimenti già effettuati e non comporta, quindi, il rifacimento degli stessi.

In linea generale, quindi, la rinuncia al trasferimento ottenuto non è possibile, tranne che sussistano tre precise condizioni:

  1. la richiesta di rinuncia deve essere giustificata da gravi e comprovati sopravvenuti motivi (quindi successivi alla presentazione delle istanze e alla tempistica summenzionata);
  2. il posto di provenienza (ossia il posto di titolarità attuale – a.s. 2022/23 – dell’interessato) sia rimasto vacante (quindi non occupato in seguito ad altro trasferimento/passaggio);
  3. la rinuncia non deve incidere negativamente sulle operazioni di gestione dell’organico di fatto.

Quindi non è possibile rinunciare al trasferimento ottenuto semplicemente perché la scuola di arrivo non è di proprio gradimento (d’altronde è una tra le scuole scelte nella domanda) o perché si scopre che si andrà ad occupare un posto di potenziamento o peggio ancora si scopre di essere sottoposti al vincolo triennale. Chi avrà il vincolo triennale e chi no

Se ricorrono dei motivi sopravvenuti anche alla data di revoca della domanda (entro il 27 aprile 2023) è possibile contattare l’Ufficio Scolastico di riferimento per verificare se il posto di partenza è rimasto libero.

Qualora si verificasse questa circostanza fortuita, in ogni caso non sarà possibile rifare le operazioni di mobilità sul posto occupato solo potenzialmente dal docente trasferito.

Il posto rimarrà vuoto in organico di diritto e sarà a disposizione per le operazioni successive.

La consulenza

È possibile inviare un quesito scrivendo a [email protected] (non è assicurata risposta individuale, ma la trattazione di tematiche generali).

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri