Mobilità docenti 2021: tutti i vincoli e le percentuali di trasferimenti e passaggi [VIDEO GUIDA]

WhatsApp
Telegram

Nelle prossime settimane sarà possibile presentare la domanda di trasferimento e/o passaggio di cattedra e ruolo. Ecco le prime indicazioni nella video guida a cura della redazione di Orizzonte Scuola.

ISCRIVITI al canale You Tube di Orizzonte Scuola

METTI MI PIACE alla pagina Facebook di Orizzonte Scuola

Vincolo triennale

Il docente che nel 2019 o 2020 ha ottenuto trasferimento o passaggio di cattedra /ruolo su istituzione scolastica con domanda volontaria, avendo espresso una richiesta puntuale di scuola, non potrà presentare domanda di mobilità per il triennio successivo.

Il vincolo interessa anche il docente che ha ottenuto trasferimento provinciale con codice di distretto sub comunale.

Il vincolo opera all’interno dello stesso comune anche per i movimenti di II fase da posto comune a sostegno e viceversa, nonché per i passaggi di ruolo e di cattedra.

Esclusi dal vincolo: docenti con precedenze di cui all’art. 13  nel caso in cui abbiano ottenuto la titolarità in una scuola fuori dal comune o distretto sub comunale dove si applica la precedenza, docenti trasferiti d’ufficio o a domanda condizionata, anche se soddisfatti su una preferenza espressa

Vincolo quinquennale 

Riguarda i docenti assunti sia da GaE che da concorso dall’anno scolastico 2020/21.

Sono esclusi:

  • docenti in esubero o soprannumero
  • personale di cui all’articolo 33, commi 3 e 6, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, purché le condizioni ivi previste siano intervenute successivamente alla data di iscrizione ai rispettivi bandi concorsuali ovvero all’inserimento periodico nelle GaE

Vincolo quinquennale insegnanti di sostegno

Tutti i docenti titolari sul sostegno sono soggetti al vincolo quinquennale su questa tipologia di posto. Tale vincolo decorre dall’anno scolastico di immissione in ruolo sul sostegno oppure, in caso di mobilità, dall’anno scolastico in cui si ottiene il trasferimento da materia a sostegno.

Percentuali per i trasferimenti 

I posti vacanti vengono suddivisi al  50% tra mobilità e immissioni in ruolo.

Del 50% riservato alla mobilità, il 25% andrà ai trasferimenti provinciali, l’altro 25% ai passaggi di cattedra e/o di ruolo sia provinciali che interprovinciali.

Si tratta della percentuale più alta destinata negli ultimi anni ai docenti che vogliono cambiare classe di concorso o grado di scuola. Per richiedere il passaggio è necessario essere in possesso dell’abilitazione per la classe di concorso specifica.

Il movimento da sostegno a posto comune non è un passaggio di ruolo, ma un trasferimento.

WhatsApp
Telegram

Eurosofia. Scopri la nuova promozione natalizia: “Calendario dell’avvento”