Argomenti Chiedilo a Lalla

Tutti gli argomenti

Mobilità docenti 2021: punteggio per esigenze di famiglia, come si calcola

Stampa

Il punteggio per le esigenze di famiglia nella domanda di trasferimento, si calcola in base ai criteri stabiliti nella tabella di valutazione. Vediamo quali

Un lettore ci scrive:

“Sono un docente di scuola Secondaria di I grado , ho inviato la domanda di mobilità provinciale , il sistema mi ha calcolato 155 punti come  punteggio base , 6 punti per il ricongiungimento al coniuge, 8 punti per i due   figli.
Il punteggio del ricongiungimento , (6 punti) viene assegnato alla scuola o comune di residenza del coniuge.
Invece, il punteggio dei figli (8 punti) viene assegnato a tutte le preferenze sia puntuali che sintetiche ? Oppure  alle scuole o al comune di residenza?
C’è una distinzione di applicazione tra i  due tipi di punteggio?
Potete dare un chiarimento in merito”

Il punteggio spettante per il trasferimento viene calcolato sulla base degli elementi indicati nella tabella di valutazione allegata al CCNI.

Si distinguono tre sezioni :

Tabella A1 – Anzianità di servizio

Tabella A2 – Esigenze di famiglia

Tabella A3 – Titoli generali

Esigenze di famiglia: come si calcola il punteggio

Il punteggio per le esigenze di famiglia comprende le seguenti voci:

A) per ricongiungimento al coniuge ovvero, nel caso di docenti senza coniuge o separati giudizialmente o consensualmente con atto omologato dal tribunale, per ricongiungimento ai genitori o ai figli……Punti 6

B) per ogni figlio di età inferiore a sei anni……………..Punti 4

C) per ogni figlio di età superiore ai sei anni, ma che non abbia superato il diciottesimo anno di età ovvero per ogni figlio maggiorenne che risulti totalmente o permanentemente inabile a proficuo lavoro….Punti 3

D) per la cura e l’assistenza dei figli minorati fisici, psichici o sensoriali, tossicodipendenti, ovvero del coniuge o del genitore totalmente e permanentemente inabili al lavoro che possono essere assistiti soltanto nel comune richiesto…….Punti 6

Punteggio per ricongiungimento al coniuge

Il punteggio per ricongiungimento al coniuge si valuta solo per le scuole ubicate nel suo comune di residenza.

Questo punteggio aggiuntivo di 6 punti spetta per il comune di residenza del coniuge a condizione che, alla data di  pubblicazione dell’ordinanza, vi risieda effettivamente con iscrizione anagrafica da almeno tre mesi. La residenza del coniuge, verso il quale si chiede il ricongiungimento, deve essere documentata con dichiarazione personale redatta ai sensi delle disposizioni contenute nel D.P.R. 28.12.2000, n. 445 e successive modifiche ed integrazioni, nella quale dovrà essere indicata la decorrenza dell’iscrizione stessa; dall’iscrizione anagrafica si prescinde quando si tratti di ricongiungimento al familiare trasferito per servizio nei tre mesi antecedenti alla data di pubblicazione dell’ordinanza.

Punteggio per i figli minori

Il punteggio per i figli minori si valuta sempre per tutte le preferenze espresse nella domanda, sia analitiche che sintetiche.

Il punteggio spettante si valuta in modo differenziato in base all’età del figlio minore. Spettano, infatti, 4 punti per ogni figlio di età inferiore ai 6 anni e 3 punti per ogni figlio di età compresa tra 6 e 18 anni

Come chiarisce la nota 8) della tabella di valutazione, il punteggio deve essere attribuito anche per i figli che compiono i 6 anni o i 18 tra il 1 gennaio e il 31 dicembre dell’anno in cui si effettua il trasferimento

Si ritiene importante sottolineare che il punteggio per le esigenze di famiglia non spetta nei movimenti della I fase, quindi per i trasferimenti nel comune di titolarità

https://www.orizzontescuola.it/mobilita-2021-tanti-docenti-non-potranno-presentare-domanda-tutti-i-vincoli-scende-al-25-percentuale-trasferimenti-interprovinciali-lo-speciale/

Stampa
Chiedilo a Lalla

Invia il tuo quesito a [email protected]
Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.

“Cassetta degli attrezzi per i futuri insegnanti di sostegno” a cura della Dott.ssa Chiocca, del Dott. Ciraci e dell’Avv. Miceli. Segui il webinar gratuito