Mobilità docenti 2021, precedenza disabilità personale e assistenza disabili. Documentazione domanda

WhatsApp
Telegram

Mobilità docenti per l’a.s. 2021/22, quali documenti allegare alle domande di mobilità volontaria del personale che usufruisce di una delle precedenze di cui ai punti I, III e IV dell’articolo 13, comma 1, del CCNI mobilità 2019/22.

Tempistica presentazione domande e pubblicazione movimenti

Le domande di trasferimento (mobilità territoriale) e passaggio di ruolo/cattedra (mobilità professionale) sono presentate telematicamente tramite Istanze Online (cartacee solo in particolari casi, come per i soprannumerari o gli immessi in ruolo dopo i termini di presentazione delle istanze).

Queste, come leggiamo nell’OM n. 106 del 29 marzo 2021, le date di presentazione delle domande, di comunicazione dei posti e delle domande al SIDI e di pubblicazione dei movimenti:

– presentazione domande: dal  29 marzo al 13 aprile 2021

– comunicazione posti e domande al SIDI: entro il 19 maggio

– pubblicazione dei movimenti: il 7 giugno 2021

Le domande su Istanze Online sono presentate tramite gli appositi modelli ivi presenti e distinti per grado di istruzione.

Le domande cartacee vanno presentate utilizzando i modelli pubblicati dal MI in “Mobilità del personale docente, educativo ed ATA a.s. 2021/22“.

Le precedenze citate all’inizio (e anche tutte le altre) si applicano soltanto nei trasferimenti volontari, eccetto la prima (Punto I) che si applica anche nei passaggi di ruolo/cattedra. Vediamo quali sono tali precedenze e come vanno documentate le relative domande.

Precedenze punti I, III e IV

L’articolo 13, comma 1, del CCNI mobilità 2021/22 indica in ordine di priorità le precedenze che vanno applicate in ciascuna fase della mobilità (comunale, provinciale e interprovinciale). Le precedenze di nostro interesse sono le seguenti:

  • Punto I – Disabilità e gravi motivi di salute (personale non vedente ed emodializzato)
  • Punto III – Personale con disabilità e personale (non necessariamente disabile) che ha bisogno di particolare cure continuative
  • Punto IV – Assistenza al coniuge ed al figlio con disabilità; assistenza da parte del figlio referente unico al genitore con disabilità, assistenza da parte di chi esercita la tutela legale (la figura dell’amministratore di sostegno non è in alcun modo equiparabile all’istituto della tutela legale)

Vediamo, come detto all’inizio, quale documentazione va allegata alla domanda di mobilità volontaria per fruire delle suddette precedenze. Per tutte le altre (precedenze) e per le fasi della mobilità in cui esse vengono applicate leggi: “Mobilità docenti 2021. Precedenze, in quale ordine e fase di trasferimento si applicano

Disabilità e gravi motivi di salute (personale non vedente ed emodializzato)

Il personale interessato deve allegare alla domanda di mobilità la documentazione di seguito riportata, che attesti quanto dichiarato nel modulo domanda ai fini della fruizione della precedenza:

  • certificazione stato di disabilità o copia autenticata rilasciata dalle commissioni mediche, funzionanti presso le ASL;
  • dichiarazione fruizione precedenza, redatta ai sensi del DPR 445/2000 e successive modificazioni.

Personale con disabilità e personale (non necessariamente disabile) che ha bisogno di particolare cure continuative

Di tale precedenza fruisce nell’ordine di priorità indicato:

  1. il personale con disabilità,  di cui all’art. 21 della legge n. 104/92, con un grado di invalidità superiore ai due terzi o con minorazioni iscritte alle categorie prima, seconda e terza della tabella “A” annessa alla legge n. 648/1950;
  2. il personale (non necessariamente disabile) che ha bisogno per gravi patologie di particolari cure a carattere continuativo (ad esempio chemioterapia). Tale precedenza nella prima fase opera  esclusivamente tra distretti diversi dello stesso comune;
  3. il personale appartenente alle categorie previste dall’articolo 33, comma 6, della legge n. 104/92

Tale personale deve allegare alla domanda di mobilità la seguente documentazione:

  • (per il personale di cui all’articolo 21 della legge 104/92) certificazione dello stato di disabilità o copia autenticata rilasciata dalle commissioni mediche funzionanti presso le ASL; nella certificazione deve risultare chiaramente, anche in certificazioni distinte, la situazione di disabilità e il grado di invalidità civile superiore ai due terzi o le minorazioni iscritte alle categorie prima, seconda e terza della tabella A) annessa alla legge 10 agosto 1950, n. 648, riconosciute alle medesime;
  • (personale categorie articolo 33, comma 6, della legge 104/92) certificazione che attesti la gravità della disabilità;
  • (per le persone bisognose di cure continuative per grave patologia) certificazione che attesti l’assiduità della terapia e l’istituto nel quale viene effettuata la terapia stessa; nelle certificazioni, rilasciate dalle ASL competenti, deve risultare l’assiduità della terapia e l’istituto nel quale viene effettuata la terapia stessa;
  • dichiarazione fruizione precedenza, redatta ai sensi del DPR 445/2000 e successive modificazioni.

Assistenza al coniuge ed al figlio con disabilità; assistenza da parte del figlio referente unico al genitore con disabilità, assistenza da parte di chi esercita la tutela legale

Il personale, che fruisce di tale precedenza, nell’ordine di priorità indicato, è il seguente:

  1. genitori anche adottivi del figlio con disabilità grave o chi, individuato dall’autorità giudiziaria competente, ne esercita legale tutela; nel caso in cui entrambi i genitori siano impossibilitati ad assistere il figlio con disabilità grave perché totalmente inabili o perché entrambi scomparsi, uno dei fratelli o delle sorelle conviventi o chi, individuato dall’autorità giudiziaria competente, esercita la tutela legale;
  2. il coniuge che assiste il disabile in situazione di gravità;
  3. il figlio individuato come referente unico che presta assistenza al genitore con disabilità grave; in tal caso la precedenza si applica soltanto nella fase comunale (e solo per i  trasferimenti tra distretti diversi dello stesso comune) e nella fase provinciale. Non si applica, invece, nella fase interprovinciale.

Il citato personale deve allegare alla domanda la seguente documentazione:

  • certificazione dello stato di disabilità dell’assistito o copia autenticata rilasciata dalle commissioni mediche funzionanti presso le ASL, nella quale deve risultare la situazione di gravità della disabilità e la necessità di un’assistenza, globale e permanente;
  • dichiarazione della situazione di non ricovero a tempo pieno dell’assistito in istituti specializzati, redatta ai sensi del DPR 445/2000 e successive modificazioni;
  • dichiarazione, redatta ai sensi del DPR 445/2000 e successive modificazioni, del rapporto di parentale con l’assistito;
  • (per il figlio referente unico che assiste il genitore) dichiarazione, redatta ai sensi del DPR 445/2000 e successive modificazioni, che attesti il carattere dell’unicità dell’assistenza a favore del soggetto disabile;
  • (per il figlio referente unico che assiste il genitore) dichiarazione, redatta ai sensi del DPR 445/2000 e successive modificazioni, che attesti di essere l’unico ad avere richiesto di fruire dei permessi per l’intero anno scolastico in corso ovvero che nessun altro parente o affine ne abbia fruito nel corrente anno scolastico;
  • (per il figlio referente unico che assiste il genitore) documentazione che attesti l’impossibilità all’assistenza da parte del coniuge per motivi oggettivi; documentazione che attesti l’impossibilità all’assistenza al genitore da parte degli altri figli per ragioni oggettive; quest’ultima documentazione non è necessaria qualora l’interessato conviva con il genitore; tale situazione di convivenza va dichiarata ai sensi del DPR 445/2000 e successive modificazioni;
  • (per i fratelli o sorelle conviventi con l’assistito) certificazione dello stato di invalidità dei genitori che non possono assistere il figlio con disabilità ovvero dichiarazione della scomparsa dei predetti genitori;
  • autocertificazione che attesti il domicilio dell’assistito;
  • (per chi esercita la tutela legale) dichiarazione riportante gli estremi del provvedimento dell’autorità giudiziaria, redatta ai sensi del DPR 445/2000 e successive modificazioni;
  • dichiarazione fruizione precedenza, redatta ai sensi del DPR 445/2000 e successive modificazioni.

Nell’OM, nel caso di figlio che assiste il genitore con grave disabilità come referente unico, si precisa che: l’assistenza con carattere di unicità deve essere effettivamente svolta alla data di scadenza delle domanda di mobilità e deve sussistere entro 10 giorni prima del termine ultimo di comunicazione al SIDI delle domande; entro quest’ultimo termine, gli interessati hanno l’obbligo di dichiarare l’eventuale cessazione dell’attività di assistenza e la conseguente perdita del diritto alla precedenza.

Accertamento provvisorio disabilità e verbali rivedibili

Abbiamo affrontato l’argomento in: Mobilità docenti 2021, precedenze e accertamento provvisorio disabilità. Validità verbali rivedibili

Ulteriore documentazione

Oltre alla documentazione di cui sopra, i docenti interessati dovranno allegare alla domanda le documentazioni che attestino l’anzianità di servizio, le esigenze di famiglia e i titoli generali ai fini dell’attribuzione del punteggio. Ne abbiamo parlato in “Mobilità docenti 2021, documentazione domande: esigenze di famiglia, titoli e servizi”

Evidenziamo, infine, che tutte tutte le dichiarazioni e/o certificazioni vanno  prodotte contestualmente alle domande di trasferimento e possono essere inviate anche in formato digitale (in genere tutte le dichiarazioni si allegano alla domanda online, comprese le certificazioni, che possono essere anche inoltra tramite posta tradizionale). Così leggiamo nell’articolo 4/10 dell’OM:

10. Tutte le predette documentazioni devono essere prodotte contestualmente alle domande di trasferimento e possono essere inviate anche in formato digitale.

Mobilità 2021, al via le operazioni. Tutte le info utili con le date per docenti, Ata e personale educativo. ORDINANZE [PDF] e VIDEO GUIDA

WhatsApp
Telegram

Concorso a cattedra ordinario secondaria, il corso: con esempi di prova orale già pronti e simulatore EDISES per la prova scritta. A 150 EURO