Mobilità docenti 2021, come si valutano le domande: chi viene prima e chi dopo. Video guida

WhatsApp
Telegram

Mobilità docenti per l’a.s. 2021/22, come avviene la valutazione delle domande di trasferimento e passaggio di ruolo/cattedra: quali docenti precedono e quali seguono, chi ottiene il movimento richiesto. Video-guida, a cura di Andrea Carlino e Nino Sabella.

Presentazione domande

Le date di presentazione delle domande di mobilità territoriale ( trasferimenti) e professionale (passaggi di ruolo/cattedra), di comunicazione dei posti e delle domande al SIDI e di pubblicazione dei movimenti, come leggiamo nell’OM 106/2021, sono le seguenti:

  • presentazione domande: dal 29 marzo al 13 aprile 2021
  • comunicazione posti disponibili e domande al SIDI entro il 19 maggio 2021
  • pubblicazione movimenti il 7 giugno 2021

Valutazione domande: punteggi e precedenze

Pubblichiamo una sintetica video guida sulla valutazione delle domande:

Punteggio mobilità

I docenti in possesso dei titoli richiesti possono presentare domanda di trasferimento (mobilità territoriale) e/o di passaggio di ruolo/cattedra (mobilità professionale), partecipando ai movimenti con il punteggio spettante per l’anzianità di servizio, le esigenze di famiglia (per i soli trasferimenti) e i titoli generali.

I punteggi sono attribuiti in base alla tabella A per i trasferimenti e in base alla tabella B) per i passaggi di ruolo cattedra/cattedra.

Nella mobilità professionale: non si valutano le esigenze di famiglia; si valutano un punto in più la laurea (quadriennale, magistrale, specialistica …) e il dottorato di ricerca (6 punti invece che 5); si valutano i “Crediti professionali” (ossia il servizio prestato in utilizzazione nello stesso posto/classe di concorso per cui si chiede il passaggio).

Precedenze

Un elemento maggiormente determinante e prioritario, con il quale i docenti partecipano ai trasferimenti, è costituito dalle precedenze di cui eventualmente beneficiano e che permettono loro di precedere nel movimento, a prescindere dal punteggio, gli altri concorrenti che ne sono privi.

Le precedenze sono indicate, in ordine di priorità, nell’articolo 13, comma 1, del CCNI sulla mobilità 2019/22 e sono applicate nelle tre fasi dei trasferimenti a domanda (comunale, provinciale e interprovinciale), eccetto la precedenza di cui al punto I del citato articolo 13/1, che si applica anche ai passaggi di ruolo/cattedra.

Valutazione istanze

La valutazione delle domande (quindi l’ordine dei docenti nei movimenti) nei trasferimenti è determinata dalle precedenze e dal punteggio di ciascun aspirante, mentre nei passaggi dal solo punteggio.

Trasferimenti

In assenza di precedenze, viene valutata prima la domanda del docente con maggior punteggio.

In caso di docenti con precedenza, a prescindere dal punteggio, la (loro) domanda viene valutata prima rispetto ai docenti senza precedenza.

In caso di concorrenza tra docenti con precedenza, viene valutata prima la domanda degli interessati che usufruiscono della precedenza che precede nell’ordine di priorità indicato: le prime domande valutate sono quelle dei docenti che usufruiscono della precedenza di cui al punto I dell’articolo 13/1 del CCNI 2019/22, poi della precedenza di cui al punto II, III, IV e così via.

A parità di precedenza prevale il punteggio.

Le modalità di valutazione illustrate riguardano le tre fasi dei trasferimenti (comunale, provinciale, interprovinciale), in ciascuna delle quali, ai fini del conseguimento del movimento richiesto, le domande si valutano nell’ordine seguente:

A. domande docenti con precedenza (se la precedenza è la medesima prevale il docente con maggior punteggio)

B. domande docenti senza precedenza in ordine di punteggio.

Passaggi

Nei passaggi di ruolo/cattedra l’ordine di valutazione delle domande e di attribuzione della nuova scuola di titolarità dipendono esclusivamente dal punteggio, eccetto per la prima precedenza indicata nell’articolo 13/1 del CCNI 2019/22, che si applica anche alla mobilità professionale.

Preferenze

Le preferenze indicate dal docente nella domanda [max 15: analitiche (scuola) e/o sintetiche (comune, distretto, provincia)] sono valutate nell’ordine in cui lo stesso le ha indicate. Pertanto, se nella prima preferenza indicata non ci sono posti disponibili (quello richiesto dall’interessato), si passa ad esaminare la seconda preferenza ed eventualmente le successive. Il docente è collocato nel primo posto libero in una delle preferenze espresse.

Evidenziamo che, nel caso in cui il docente chieda cattedre orario con completamento esterno (nello stesso comune o tra scuole di comuni diversi), è possibile che la scuola di completamento assegnata non sia tra quelle indicate, diversamente dalla scuola dove lo stesso ha la titolarità.

Sequenza movimenti

L’ordine dei movimenti è indicato dettagliamene nell’allegato 1 “Ordine delle operazioni nei trasferimenti e nei passaggi del personale docente ed educativo” al CCNI mobilità 2019/22.

MOBILITÀ 2021, domande al via: vincoli, punteggio, come compilare la domanda [LO SPECIALE CON LE VIDEO GUIDE]

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur