Mobilità docenti 2020: è possibile rinunciare al trasferimento appena ottenuto?

Stampa

Oggi gli esiti della domanda di mobilità dei docenti.  Un gruppo di docenti ha accolto l’esito con preoccupazione o perché essendosi pentito troppo tardi della domanda inoltrata, sperava di non ottenere il movimento richiesto oppure perché non ha ottenuto la scuola preferita o perché al suo interno crede che sarà posizionata su cattedra di potenziamento.

I docenti che chiedono alla nostra redazione se è possibile rifiutare il trasferimento e quindi rinunciare al movimento ottenuto.

La risposta al quesito posto si trova nell’Ordinanza Ministeriale n.182 del 23/03/2020

In seguito alla pubblicazione dei movimenti è possibile rinunciare al trasferimento ottenuto?

Le condizioni per poter rinunciare al trasferimento ottenuto sono esclusivamente quelle indicate nell’art.5 comma 5 della succitata OM, dove viene data la possibilità di rinunciare al movimento ottenuto ai docenti solo

  • per  gravi e seri motivi opportunamente documentati e
  • se tale rinuncia non rischia di mettere in discussione i movimenti già disposti.

Nel succitato art.5 si stabilisce, infatti, quanto segue:

Non è ammessa la rinuncia, a domanda, del trasferimento concesso, salvo che tale rinuncia venga richiesta per gravi motivi sopravvenuti debitamente comprovati e a condizione, altresì, che il posto di provenienza sia rimasto vacante e che la rinuncia non incida negativamente sulle operazioni relative alla gestione dell’organico di fatto. Il posto reso disponibile dal rinunciatario non influisce sui trasferimenti già effettuati e non comporta, quindi, il rifacimento degli stessi.”

È indispensabile, quindi, che la cattedra di titolarità del docente, che intende rinunciare al trasferimento ottenuto, non sia stata coinvolta nella mobilità e sia rimasta come cattedra vacante a conclusione dei movimenti.

In caso contrario non sarà possibile accogliere la richiesta del docente anche in presenza di gravi motivi documentati, in quanto tale rinuncia metterebbe in discussione il movimento disposto su questa cattedra per un altro docente.

Stampa

Come fare educazione civica Digitale: dagli ambienti digitali alle fake news, dal Sexting alla netiquette. Corso con iscrizione e fruizione gratuite