Mobilità docenti 2019/22, vincolo triennale: chi riguarda e a quali condizioni

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Firmata l’ipotesi di CCNI relativo alla mobilità 2019/2020, 2020/21, 2021/22 del personale docente, educativo e ATA.

Mobilità, firmato il Contratto. Le novità, scarica il testo

Tra le novità del Contratto il blocco triennale. Vediamo chi riguarda e a quali condizioni.

Blocco triennale

Il blocco triennale implica la permanenza nella scuola ottenuta per tre anni.

Di seguito le condizioni che determinano il vincolo di permanenza triennale:

  •  trasferimento o passaggio di ruolo/cattedra in una delle scuole espresse con preferenza puntuale su scuola;
  • trasferimento, nel corso della prima fase dei movimenti, in una scuola del comune di titolarità, anche ottenuta attraverso l’espressione del codice di distretto sub comunale;
  • trasferimento da posto a comune a sostegno e viceversa, all’interno dello stesso comune, nell’ambito della II fase, nonché per la mobilità professionale.

Blocco triennale: esclusi

Sono esclusi dal vincolo triennale:

  • i docenti beneficiari delle precedenze indicate nell’articolo 13 del CCCNI e alle condizioni ivi previste, nel caso in cui abbiano ottenuto la titolarità in una scuola fuori dal comune o distretto sub comunale dove si applica la precedenza;
  • docenti trasferiti d’ufficio o a domanda condizionata, anche se soddisfatti su una delle preferenze espresse.
Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione