Mobilità docenti 2017, pre-ruolo sostegno e licei musicali: altri punti su cui trattare

Stampa

Il 29 dicembre u.s., Miur e sindacati hanno siglato l’intesa sulla mobilità per l’a.s. 2017/18, definendo quelli che possiamo definire i criteri principali, che saranno alla base del prossimo CCNI. 

La strada che porterà alla definizione del Contratto, tuttavia, sarà ancora lunga, considerando i diversi nodi che restano da sciogliere.

Innanzitutto, dovrà essere tracciato il quadro, all’interno del quale dovrà svolgersi la chiamata diretta, quindi bisognerà individuare i requisiti nazionali, di cui si parla nell’accordo, e definire il ruolo del Collegio dei docenti.

Altro tema “caldo” da affrontare riguarda il servizio pre-ruolo svolto su sostegno e la sua eventuale validità ai fini dell’obbligo quinquennale di permanenza su tale tipo di posto.

Altri aspetti ancora da trattare, come riportato anche dalla Flc Cgil, riguardano:

  • la mobilità professionale verso i licei musicali;
  • “la revisione delle precedenze di legge, tenuto conto dell’eliminazione dei comuni come preferenza sintetica e della presenza di ambiti territoriali comprendenti più comuni e di quelli sub-comunali nelle grandi città”.

Grande è l’attesa dei docenti riguardo soprattutto alla possibilità che, nel computo ai fini del quinquennio di permanenza su sostegno, venga valutato anche il servizio pre-ruolo, così come quella dei docenti che da anni vengono utilizzati nei Licei musicali riguardo alle materie di indirizzo.

I sindacati sono propensi a sostenere le richieste dei docenti, staremo a vedere quali saranno le risposte del Miur.

La trattativa riprenderà il  10 gennaio p.v.

Scarica il testo dell’intesa

Mobilità, accordo firmato. Anticipazione: si scelgono fino a 5 scuole. Addio vincolo triennale, modifica tabella titoli, 60% assunzioni, 30% mobilità, 10% mobilità professionale

Tutto sulla mobilità

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur