Mobilità da sostegno a cattedra, ci sarà un limite. News da Miur

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Mobilità da sostegno a

Mobilità da sostegno a cattedra: è trasferimento

I docenti assunti su posto di sostegno hanno un vincolo quinquennale di permanenza su tale tipologia di posto.

Per li trasferimenti gli insegnanti  che superano il vincolo possono richiedere trasferimento su posto comune, trasferimento che si ottiene in base alle disponibilità per quell’anno scolastico sul 100% dei posti destinati alla mobilità.

Per il conteggio del vincolo quinquennale il Miur non hai mai riconosciuto il servizio svolto da precari, mentre sono numerose le sentenze che hanno dato ragione ai docenti interessati.

Miur vuole porre un limite ai trasferimenti da sostegno a posto comune

E’ questa una delle novità annunciate dal Miur nel corso della riunione con i sindacati.

Il Miur propone di limitare i trasferimenti provinciali da sostegno a posto comune al  50% dei posti disponibili, in luogo dell´attuale 100%.

Motivazioni

  • eccessiva spesa
  • mancano insegnanti di sostegno

Il sindacato UIL è fortemente contrario alla proposta.  Si aggiungerebbe un ulteriore vincolo a docenti che ne rispettano già uno e creerebbe disparità di trattamento.

Anche la Gilda è contraria, e ritiene che una modifica del genere dovrebbe essere proposta solo come intervento legislativo.

Al momento si tratta dunque di una proposta, non sappiamo se potranno esserci novità in tal senso anche nella Legge di Bilancio o si tratta di una novità da limitare al contratto.

A ciò si aggiungano anche le novità della permanenza nella sede di immissione in ruolo per un periodo di cinque anni, se la norma sarà inserita nella Legge di Bilancio.

Gli altri argomenti di cui si è discusso

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione