Mobilità ATA 2019/2020: tutte le dichiarazioni da allegare alla domanda

di Giovanni Calandrino
ipsef

item-thumbnail

 Mobilità ATA 2019/2020. In questa scheda tutte le dichiarazioni da allegare alla domanda di trasferimento/passaggio. Scadenza di presentazione domanda 26 aprile 2019.

Tutto il personale ATA con rapporto di lavoro a tempo indeterminato può presentare domanda di mobilità, obbligatoriamente con procedura su Istanze online.

La mobilità avviene su scuola, con possibilità di esprimere preferenze di comune e distretto.

Il personale ATA transitato nei ruoli statali da altri comparti a decorrere dall’a.s. 2017/2018 ai sensi di apposite convenzioni, parteciperà alla mobilità territoriale e professionale a partire dal prossimo anno scolastico con le regole generali del CCNI e sulla base del punteggio spettante secondo le tabelle.

Gli assistenti amministrativi e tecnici immessi in ruolo il 1° settembre 2018 sulla base della procedura selettiva di cui alla legge 205/17 art. 1 comma 619, e ai collaboratori scolastici immessi in ruolo in base della medesima legge art. 1 commi 622-626 (ex co.co.co) è assegnata la titolarità sull’istituzione scolastica presso la quale è stata disposta l’assunzione in servizio sul posto accantonato, ma non partecipano alle procedure di mobilità per l’a.s. 2019/20 (CCNI art.34 commi 4-5).

Si possono presentare fino ad un massimo di 4 diverse tipologie di domande.

  • una per trasferirsi all’interno della provincia di titolarità;
  • una per trasferirsi in una provincia diversa. Questa seconda prevale su quella provinciale;
  • si può fare anche (o solo) domanda per il passaggio di profilo (e fino a tre diversi profili con altrettante domande, se in possesso dei titoli) all’interno dell’area nell’ambito della provincia di titolarità;
  • quarta tipologia, sempre di passaggio di profilo (mobilità professionale), ma per una provincia diversa.

La domanda di passaggio di profilo per altra provincia prevale su tutte le richieste presentate.

Gli assistenti tecnici che intendono trasferirsi da un’area di laboratorio ad un’altra, nel proprio e/o in diverso istituto, debbono sempre presentare domanda di trasferimento. Ai fini della mobilità professionale del personale ATA conservano validità anche i vecchi titoli in possesso alla data di sottoscrizione del CCNL 2007.

Le dichiarazioni:

  • Anzianità di servizio (allegato D);
  • eventuale dichiarazione continuità (allegato E);
  • dichiarazione personale cumulativa (relativa alle esigenze di famiglia, alle idoneità conseguite in concorsi per posti di personale ATA, dichiarazione titoli posseduti per il passaggio di profilo o di area);
  • dichiarazione punteggio aggiuntivo (per l’attribuzione del punteggio “una tantum” è obbligatorio dichiarare il triennio (compreso tra l’a.s. 2000/2001 e l’a.s. 2007/2008) in cui si è maturato il diritto per non avere presentato affatto la domanda volontaria di trasferimento o passaggio in ambito provinciale dalla scuola in cui, almeno dall’anno precedente, si era già titolari).

Riguardo il diritto a beneficiare delle varie precedenze previste per particolari situazioni, è obbligatorio attestare il possesso dei requisiti sempre con documentazione o dichiarazione sostitutiva.

Per la legge 104/92 occorre produrre specifica certificazione medica, in quanto non sostituibile con autocertificazione, da allegare telematicamente alla domanda o da inviare all’Ufficio Scolastico di competenza tramite la scuola di servizio.

Mobilità ATA 2019/20: tempistica, fasi e presentazione domande

Versione stampabile
Argomenti:
soloformazione