Mobilità ATA 2019/20: tempistica, fasi e presentazione domande

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il personale ATA interessato è al momento impegnato nella presentazione delle domande di mobilità per l’a.s. 2019/20.

Ricordiamo la tempistica, le fasi in cui si svolgeranno i movimenti e come va presentata la domanda.

Mobilità ATA 2019/20: tempistica

  • 126 aprile 2019 presentazione domande
  • 1 luglio 2019 pubblicazione movimenti
  • 6 giugno 2019 comunicazione posti e domande al SIDI
  • 1 giugno 2019 eventuale revoca domanda già inoltrata (al riguardo evidenziamo che la predetta data riguarda chi intende revocare la domanda dopo il termine ultimo di presentazione delle istanze- 26 aprile -; nel caso in cui si intenda ritirarla durante il periodo di presentazione delle domande, ossia entro il 26 aprile, è sufficiente annullare la domanda inoltrata su Istanze Online).

Mobilità ATA 2019/20: fasi movimenti

I trasferimenti e i passaggi di profilo si attuano in tre distinte fasi:

  • I fase comunale: trasferimenti del personale richiedente l’assegnazione nell’ambito del comune di titolarità;
  • II fase provinciale: trasferimenti del personale richiedente l’assegnazione a comuni diversi da quello di titolarità ed appartenenti alla propria provincia;
  • III fase della mobilità territoriale interprovinciale e mobilità professionale: trasferimenti a province diverse da quella di titolarità e passaggi di profilo.

Mobilità ATA 2019/20: presentazione della domanda su Istanze Online

Una volta effettuato l’accesso nell’area riservata di Istanze Online, ai fini della presentazione della domanda, si devono seguire i seguenti passaggi:

  • Accedere alla sezione “Istanze online”
  • Accedere a “Presentazione domanda di Mobilita’ Personale ATA”
  • Compilare la domanda di mobilità (utilizzando la funzione “Inserisci”)
  • Aggiornare, se necessario, i dati precedentemente inseriti (utilizzando la funzione “Aggiorna”)
  • Inserire, se necessario, l’elenco dei documenti da consegnare contestualmente alla domanda e allegare le autocertificazioni (utilizzando la funzione “Gestione allegati”)
  • Inviare la domanda (utilizzando la funzione “Invia la domanda”) scegliendo come ufficio destinatario la segreteria dell’istituto (scuola) presso cui si presta servizio ovvero, in mancanza di sede di servizio, ad altro Ufficio da individuare secondo i criteri indicati nell’O.M. sulla mobilità del personale della scuola che si può consultare accedendo al link “Riferimenti normativi e scadenze amministrative”. Al momento dell’invio, il sistema crea un “pdf”, che viene inserito nella sezione “Archivio” presente sulla home page, contenente il modulo domanda compilato
  • Consegnare entro il 26 aprile, se presenti, i certificati per i quali non è prevista autocertificazione all’ufficio a cui è stata inviata la domanda
  • Verificare che nella pagina “Menù gestione domande”, nell’elenco delle domande inserite, la domanda si trovi nello stato “inviata”
  • Selezionare, dal “Menù gestione domande”, la domanda e verificare che tutti i documenti da consegnare siano stati inseriti correttamente
  • Accedere alla sezione “Archivio” presente sulla home page e verificare che il modulo domanda contenga tutte le informazioni corrette

Vai alla guida completa del Miur

Versione stampabile
Argomenti:
soloformazione