Mobilità, Anief – Il Contratto è illegittimo: il servizio nelle paritarie deve essere riconosciuto

Stampa

Comunicato Anief – Arriva dal Tribunale del Lavoro di Palermo una nuova vittoria tutta targata Anief che annulla il CCNI sulla mobilità nella parte in cui non attribuisce punteggio al servizio svolto nelle scuole paritarie.

Ancora possibile aderire ai ricorsi Anief presso il Giudice del Lavoro se si sono dichiarati i servizi utili ai fini del ricorso nella domanda di mobilità.

È come sempre targata Anief la nuova sentenza favorevole ottenuta pochi giorni fa a Palermo che accoglie le ragioni patrocinate con la solita competenza e professionalità dagli Avvocati Fabio Ganci e Walter Miceli e impone all’Amministrazione l’immediata rettifica del punteggio utile per i trasferimenti integrandolo con il servizio svolto nella scuola paritaria e, di conseguenza, “a trasferire i ricorrenti, per la propria classe di concorso, presso l’Ambito Territoriale di loro spettanza in relazione al nuovo punteggio secondo l’ordine espresso nella domanda di mobilità”. Il Tribunale del Lavoro di Palermo, dunque, conferma la giurisprudenza favorevole già ottenuta sul punto dai legali Anief in tutta Italia e rileva come “non possono residuare dubbi quindi circa l’illegittimità, con riguardo alle molteplici disposizioni normative sopra richiamate in materia di parità scolastica, della contestata disposizione di CCNI che esclude qualsiasi attribuzione di punteggio, in sede di mobilità, per il servizio d’insegnamento svolto negli istituti paritari. Diversamente opinando si perverrebbe ad una interpretazione della vigente normativa contraria ai principi di eguaglianza e d’imparzialità della p.a. (artt.3 e 97 Cost.), non essendovi ragione per discriminare, sia in sede di mobilità che ai fini della ricostruzione di carriera, servizi aventi per legge la medesima dignità e le medesime caratteristiche”.

“La disposizione contenuta nel CCNI Mobilità, nella parte in cui esclude qualsiasi attribuzione di punteggio in sede di trasferimenti per il servizio d’insegnamento svolto negli istituti paritari – spiega Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief – risulta del tutto incoerente ed irrispettosa dell’evoluzione normativa che, da sempre, evidenziamo e i giudici ci stanno dando ragione sulla necessità di disapplicarla proprio perché contra legem”. Ancora possibile, quindi, aderire ai ricorsi Anief presso il Giudice del Lavoro per ottenere il punteggio del servizio svolto nelle scuole paritarie o il punteggio per i titoli SSIS, TFA, Sostegno, per il servizio militare svolto non in costanza di nomina cui il CCNI non attribuisce punteggio, se si sono dichiarati nella domanda di mobilità e non si è ottenuto il movimento richiesto.

Per ulteriori informazioni e aderire ai ricorsi Anief contro il CCNI 2019 Mobilità, clicca qui.

Stampa