Mobilità, ad insegnante con figli spetta cattedra vicino a sede lavorativa del marito

di redazione
ipsef

item-thumbnail

A darne esecuzione un decreto del tribunale che oggi viene citato in un articolo pubblicato su ItaliaOggi a firma Carlo Forte (pagina 51).

La sentenza è del tribunale di Pordenone che ha dato il via alla mobilità per una docente catanese con cattedra nel Friuli Venezia Giulia.

Il Decreto d’urgenza (N.R.G. 2017/527) dà ragione ad una docente con figli di età inferiore a tre anni, con residenza ad Acireale, all’assegnazione di una cattedra vicino alla sede lavorativa del marito.

L’insegnante aveva avanzato richiesta di assegnazione temporanea (e non provvisoria), che viene regolamentata dal decreto legislativo 151 del 2001.

Il tribunale ha ritenuto di dover applicare quanto previsto dal Testo unico in materia di tutela e sostegno della maternità e paternità ed in particolare il diritto del figlio a godere dell’assistenza materiale e affettiva di entrambi i genitori.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare