Mobilità 2021, la Cisl Scuola all’attacco: “La continuità didattica non è sempre un valore”

Stampa

Manca ormai poco alla scadenza dei termini per la presentazione della domanda di mobilità.

La questione più importante, come è noto, riguarda il vincolo quinquennale, cioè il sistema previsto dalla legge 159/2019 che obbliga gli insegnanti della scuola secondaria di primo e secondo grado a rimanere per almeno cinque anni nella stessa sede.

A Il Fatto Quotidiano interviene Maddalena Gissi, segretaria generale della Cisl Scuola: “Non sempre per quanto possa apparire ovvio e persino banale, la continuità didattica, è un valore. Più in generale laddove non si realizzi un clima di relazioni positive, diventa assai difficile poter considerare la loro prosecuzione come utile e opportuna. Per queste ragioni sarebbe quanto mai auspicabile che la continuità, intesa come continuità di relazioni positive, fosse in ogni modo favorita, assecondata e incentivata, ma mai imposta forzatamente”.

“L’oggi ci vede alle prese – conclude la segretaria della Cisl Scuola – con una situazione nella quale vincoli più o meno estesi discendono dalle diverse decorrenze dei provvedimenti di assunzione, in ogni caso ispirandosi a una logica di imposizione forzata priva come si è detto di reali benefici, fonte unicamente di disagi che alimentano rischi di assenteismo e di contenzioso. In attesa di una complessiva rivisitazione del tema reclutamento, quanto mai necessaria, almeno rimuove norme assurdamente coercitive in materia di mobilità sarebbe una cosa buona, da fare con la massima urgenza”.

Vincolo quinquennale, ecco perché abolirlo: storie di docenti bloccati. Lo SPECIALE su OS TV [Lunedì 12 aprile ore 15]

Mobilità docenti e Ata 2021, le risposte alle domande più frequenti: Question time con Di Patre (Gilda) [Lunedì 12 aprile ore 14,30]

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur