Mobilità 2020, CNDDU: favorire il rientro dei docenti fuorisede assunti con legge Buona Scuola

Il Coordinamento nazionale docenti della disciplina dei diritti umani, in considerazione delle trattative tra sindacati e MIUR sul tema della mobilità 2020 / 2021 e dell’imminente procedura di presentazione della relativa domanda prevista per l’11 marzo, invita l’Amministrazione a favorire il rientro dei docenti fuorisede della legge 107/2015 (Buona scuola), in quanto, come più volte abbiamo ribadito, lo stato di disagio e di difficoltà economiche connesse a tale condizione permangono da ormai cinque anni.

L’età anagrafica degli esiliati continua ad avanzare e anche il servizio di riferimento (molti docenti vantano ormai dieci, quindici, se non venti, anni di servizio); la possibilità di accedere in termini decorosi alla pensione prevede attese lunghe, di conseguenza molti insegnanti sono scoraggiati, anche per le retribuzioni inadeguate rispetto ai costi sostenuti fuori casa, che aumentano inesorabilmente con il passare degli anni.

Diverse classi di concorso (A046 – discipline giuridiche ed economiche; scuola primaria) nel corso degli anni hanno fatto registrare rientri pari quasi a zero. In una fase così delicata, come quella attuale, in cui tutti i cittadini sono chiamati a responsabilizzarsi per contribuire al contenimento del Coronavirus, il nostro pensiero corre inevitabilmente a tutti quei docenti, che, per ottemperare giustamente alle indicazioni pervenute, sono rimasti nei centri assegnati, rinunciando a unirsi ai propri familiari esclusivamente per dovere civico.

Ci auguriamo che il nostro Paese possa superare al più presto possibile le serie difficoltà del momento e che il maggior numero possibile di operatori della scuola possa ricongiungersi ai propri cari.

Prof. Romano Pesavento
Presidente CNDDU

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia