Mobilità 2019, rientro docenti al Sud. A chiederlo il M5S

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Interrogazione del M5S, primo firmatario Marilotti, per chiedere al Ministro se intenda assumere urgenti iniziative al fine di consentire il rientro stabile nei luoghi di origine dei docenti del Sud che con la Buona Scuola hanno ottenuto il ruolo nelle province del Nord. 

L’interrogazione nasce dalle brutte notizie comunicate dal Ministero ai sindacati durante un incontro di qualche giorno fa.

L’Amministrazione ha consegnato il prospetto di riepilogo dei pensionamenti, suddiviso tra richieste presentate entro il 12 dicembre e richieste per Quota 100.

Posti andranno a mobilità e immissioni in ruolo di settembre 2019?

Alla precisa richiesta delle OO.SS. – riferisce la Gilda degli Insegnanti  – se i posti liberati dai docenti che andranno in pensione con quota 100 saranno disponibili per la mobilità dell´a.s. 2019/2020, l´Amministrazione afferma che, visto il termine ultimo del 28 febbraio, sarà impossibile che questi posti siano disponibili per i trasferimenti di quest´anno e di conseguenza neppure per le immissioni in ruolo.

Un allarme che Orizzonte Scuola aveva già lanciato, poiché ai sensi della Circolare Miur dell’1.2.2019 prof. 4644, l’accertamento del diritto al trattamento pensionistico

  • per i docenti che hanno effettuato la domanda entro il 12 dicembre è fissato entro il termine ultimo del 10 maggio,
  • mentre per quelli che presentano la domanda entro il 28 febbraio quota cento e altre categorie previste dal citato decreto legge, il termine è il 31 maggio.

Nella bozza dell’ordinanza ministeriale sulle domande di mobilità, il termine ultimo per la comunicazione al SIDI dei posti disponibili è fissato al 25 maggio 2019.

Problematiche accertamento diritto a pensione

Il problema è che l’accertamento al diritto alla pensione grava sulle segreterie scolastiche, a volte impreparate alla procedura e comunque alle prese con numerosi adempimenti.

Il M5S, con l’interrogazione del 7 marzo 2019, chiede

  •  di sapere se il Ministro in indirizzo intenda assumere urgenti iniziative, al fine di consentire, entro un congruo lasso temporale, procedure di mobilità, da contemperare con le esigenze di nuovi immissioni in ruolo, che permettano il rientro stabile nei luoghi di origine dei docenti del Sud che, a seguito delle procedure di reclutamento straordinarie della legge n. 107, hanno ottenuto il ruolo presso istituzioni scolastiche di Regioni centro-settentrionali.
Versione stampabile
Argomenti:
soloformazione