Argomenti Chiedilo a Lalla

Tutti gli argomenti

Mobilità 2019. I trasferimenti provinciali precedono sempre quelli interprovinciali

Stampa

E’ possibile che un docente con maggior punteggio che proviene da fuori provincia preceda un docente che chiede trasferimento provinciale?

Francesca scrive

Buongiorno, sono un’insegnante di scuola secondaria di secondo grado della provincia di Frosinone. Vorrei sapere, gentilmente, se quest’anno cambieranno le modalità di precedenza sul trasferimento interprovinciale con un punteggio superiore rispetto a quello provinciale: se due insegnanti chiedono il trasferimento sulla medesima scuola, il docente con più punteggio,su trasferimento interprovinciale, rispetto a quello provinciale, va in coda oppure supera l’insegnante provinciale? Grazie per la Vostra gentilezza.

Fasi della mobilità

Per tutti i docenti assunti a tempo indeterminato la mobilità si svolgerà in tre fasi:

I fase: comunale che riguarderà  i trasferimenti all’interno dello stesso comune di titolarità.

II fase: intercomunale che riguarderà i trasferimenti tra comuni diversi della provincia di titolarità

III fase: trasferimenti interprovinciali e passaggi di cattedra e di ruolo provinciali e interprovinciali.

In ogni fase, che quindi precede quelle successive, si va in ordine di precedenze e punteggio. A parità di precedenze e punteggio ottiene il movimento il docente più anziano di età.

Preferenze provinciali e interprovinciali: unica domanda

E’ possibile esprimere con un’unica domanda fino a 15 preferenze (di scuola e/o di codice sintetico).

All’interno della stessa domanda è possibile anche esprimere preferenze provinciali che interprovinciali. In questo caso il docente che intende dare priorità alle une o alle altre le dovrà esprimere in ordine di preferenza:

se si vuole provare ad ottenere prima il trasferimento interprovinciale tali preferenze vanno inserite, nell’ordine della domanda, prima di quelle provinciali.

Conclusioni

Nel caso posto da Francesca non è possibile (tranne l’unico caso del docente emodializzato o non vedente) che un docente che richieda trasferimento all’interno della provincia possa essere preceduto da un docente che proviene da fuori provincia. Neanche se quest’ultimo abbia più punteggio o usufruisca di una precedenza.

Inoltre, rispetto la mobilità della 107 è stata divisa anche la fase provinciale, tra comunale e intercomunale, pertanto il docente che chiede il trasferimento all’interno dello stesso comune di titolarità precede chi  viene da fuori comune.

Stampa
Chiedilo a Lalla

Invia il tuo quesito a [email protected]
Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.
Per le istituzioni scolastiche. Consulenza specifica e risposta garantita. Gratuitamente consulenza_sc[email protected]

Preparazione concorsi e TFA Sostegno con CFIScuola!