Mobilità 2018, è possibile chiedere per il prossimo anno sia trasferimento che passaggio di cattedra e/o ruolo. Come fare

di Giovanna Onnis
ipsef

item-thumbnail

I docenti che partecipano alla mobilità possono chiedere movimenti diversi a seconda che decidano di partecipare alla mobilità territoriale oppure alla mobilità professionale o anche ad ambedue le tipologie di movimento contemporaneamente.

MOBILITÀ TERRITORIALE E PROFESSIONALE

La mobilità territoriale comprende i trasferimenti sia provinciali che interprovinciali, mentre la mobilità professionale comprende i passaggi di cattedra (movimento su altra classe di concorso dello stesso grado di istruzione) e i passaggi di ruolo (movimento in altro grado di istruzione).

Per partecipare alla mobilità professionale è indispensabile possedere l’abilitazione per la classe di concorso richiesta e il titolo di studio relativo all’ordine o grado di istruzione richiesto, ed è necessario aver superato il periodo di prova nel ruolo di appartenenza.

I docenti in possesso dei requisiti indicati possono chiedere contemporaneamente sia trasferimento che passaggio, sia di cattedra che di ruolo, e devono presentare una domanda per il trasferimento e tante domande quanti sono i passaggi richiesti. Le domande di passaggio di ruolo possono essere presentate per un solo ruolo.

Il passaggio di ruolo, infatti, come stabilisce l’art.14 comma 1 dell’OM, può essere richiesto per un solo grado di scuola (dell’infanzia, primaria, scuola secondaria I grado, scuola secondaria II grado) anche per più province. Nell’ambito del singolo ruolo, il passaggio può essere richiesto per più classi di concorso appartenenti allo stesso ordine e grado di scuola.

VALUTAZIONE DOMANDE: QUALI PRIORITÀ?

I docenti delle scuole ed istituti di istruzione secondaria che intendono chiedere contemporaneamente trasferimento e passaggio di cattedra, devono precisare, nell’apposita sezione del modulo-domanda di passaggio di cattedra, a quale movimento (trasferimento o passaggio) intendono dare precedenza e, in caso di più domande di passaggio, con quale ordine intendono che esse siano trattate.

Nel caso di presentazione di domande di trasferimento, di passaggio di cattedra e di passaggio di ruolo, il conseguimento del passaggio di ruolo rende inefficace la domanda di trasferimento e/o di passaggio di cattedra o il trasferimento o passaggio di cattedra eventualmente già disposto.

MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

Le domande, compilate e inviate attraverso il portale Istanze online del sito del MIUR, devono contenere tutte le indicazioni richieste e devono essere presentate nei termini stabiliti dall’art.2 dell’OM.

DOCUMENTAZIONE

Come chiarisce l’art.3 comma 10 dell’Ordinanza Ministeriale recentemente pubblicata, in caso di richiesta contemporanea di trasferimento e di passaggio è consentito documentare una sola delle domande, essendo sufficiente per l’altra il riferimento alla documentazione allegata alla prima.

Le domande di passaggio di cattedra o di ruolo debbono contenere l’indicazione della specifica o delle specifiche abilitazioni possedute, ove necessarie per ottenere il passaggio, o del titolo di specializzazione per l’accesso a scuole con finalità speciali.

Sono ritenuti validi, ove non specificato diversamente dal CCNI, solo i titoli posseduti alla data ultima di presentazione delle domande, indicata nell’art. 2 dell’OM.

QUALI E QUANTI MODULI

I moduli disponibili nel portale del MIUR Istanze online sono diversificati in base al movimento richiesto.

Il docente che chiede contemporaneamente più movimenti dovrà, quindi, utilizzare più moduli.

Trasferimento

Modulo di domanda unico sia per movimento provinciale che interprovinciale

Passaggio di cattedra

Una domanda distinta per ogni classe di concorso richiesta

Passaggio di ruolo

Si deve utilizzare il modulo relativo all’ordine o grado di istruzione richiesto.

Si deve compilare e inviare una domanda distinta per ogni classe di concorso richiesta nell’ambito dello stesso grado di istruzione che si chiede per il passaggio di ruolo

PREFERENZE

Ogni domanda è autonoma ai fini delle preferenze territoriali esprimibili.

Per ogni domanda sarà possibile, quindi, esprimere 15 preferenze totali , comprensive di provinciali e interprovinciali, delle quali non più di 5 scuole e le restanti ambiti e province.

Le preferenze territoriali inserite in una domanda possono essere, quindi, totalmente diverse da quelle richieste in altra istanza.

Tutte le guide e le FaQ sulla mobilità 2018

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare