Mobilità 2018/19, titolarità scuole carcerarie: domanda cartacea prima dei trasferimenti. Chi può presentarla e quando

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Dal 3 al 26 aprile p.v., com’è noto, il personale docente può presentare domanda di mobilità territoriale (trasferimento) e/o professionale (passaggio di ruolo/cattedra), come indicato dall’OM n. 207/2018. 

Mobilità 2018/19, domande dal 3 aprile. Posti disponibili, scelta scuola, no vincolo triennale, precedenze. Lo speciale

O.M. MOBILITA E DOCENTI UTILIZZATI NELLE SEDI CARCERARIE

L’Ordinanza prevede disposizioni particolari per i docenti utilizzati da due anni nelle scuole carcerarie – scuola primaria.

L’articolo 12, comma 7, dell’Ordinanza così predispone:

Al fine di rendere disponibili tutti i posti vacanti per le assunzioni in ruolo, prima delle operazioni di mobilità gli uffici scolastici territorialmente competenti procedono, su domanda degli interessati, ad assegnare la titolarità sulle sedi carcerarie vacanti e disponibili dopo le operazioni 2017/2018 ai docenti già utilizzati da almeno due anni sulle predette sedi. I docenti eventualmente assunti in ruolo con decorrenza 1 settembre 2017, privi del prescritto titolo, sono riassegnati prima dei movimenti 2018/19 su posti comuni lasciati liberi a seguito della predetta assegnazione di titolarità dei docenti in utilizzazione da almeno tre anni.”

I docenti, che da due anni sono utilizzati nelle scuole carcerarie, dunque, possono ottenere la titolarità nelle sedi carcerarie vacanti e disponibili, presentando apposita domanda prima delle operazioni di mobilità.

PRESENTAZIONE DOMANDE CARTACEE

Il Miur, con la nota n. 15506 del 28/03/2018, ha precisato che i succitati docenti devono presentare domanda cartacea all’USR– USP competente per territorio, ossia a quello in cui è presente la sede carceraria di utilizzazione.

La domanda, puntualizza il Miur, va presentata entro il quindicesimo giorno precedente il termine ultimo per la comunicazione delle domande di mobilità al SIDI.

nota Miur

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione