Mobilità 2018/19: rimangono percentuali dello scorso anno e scelta 5 scuole, proroga di un anno. Nuovo incontro il 4 dicembre

WhatsApp
Telegram

Questo l’esito dell’incontro svolto ieri al Ministero alla presenza dei sindacati per la trattativa sulla mobilità del personale docente, ATA ed educativo di ruolo per l’a.s. 2018/19

L’Amministrazione ha comunicato che è intenzione del Ministero di proporre la proroga di un anno del Contratto sulla mobilità sottoscritto il 13 aprile 2017 e con il quale si sono svolte le operazioni per l’a.s. 2017/18. I tempi per una nuova trattativa infatti non ci sono. Nuove regole potranno invece essere inserite nel nuovo CCNL generale, pur nel rispetto della legge 107/2015.

I sindacati hanno proposto alcune modifiche tecniche, sulle quali l’Amministrazione si è presa qualche giorno di tempo per verificare se sarà possibile renderle operative nell’ordinanza, dato che il contratto è immodificabile.

Rimane quindi ancora per un anno la possibilità di trasferimento su scuola, limitatamente a 5 preferenze.

Il prossimo incontro è stato fissato per il 4 dicembre.

L’altra notizia emersa dall’incontro è la volontà di mantenere inalterate le percentuali destinate alle varie operazioni. Ricordiamo che l’accordo sottoscritto lo scorso anno tra Miur e sindacati prevedeva:

  • 30% ai trasferimenti interprovinciali
  • 10% ai passaggi di ruolo e cattedra

Il resto dei posti dovrebbe dunque, come già accaduto lo scorso anno, essere destinato alle immissioni in ruolo.

Non sappiamo se ci saranno margini per far ancora valere le richieste dei sindacati in ordine alle modifiche delle percentuali.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur