Mobilità 2018/19, quando e come verranno pubblicati i movimenti e come saranno informati i docenti

di Giovanna Onnis
ipsef

item-thumbnail

Le domande di mobilità per il prossimo anno scolastico devono essere inviate entro i termini fissati nell’art.2 comma 1 dell’Ordinanza Ministeriale pubblicata in data 9 marzo e, per il personale docente di ogni ordine e grado di istruzione, il termine iniziale è il 3 aprile e il termine ultimo è fissato per il 26 aprile.

Dopo il 26 aprile inizia, quindi, l’attesa da parte dei docenti , che hanno presentato domanda di trasferimento e/o di passaggio di cattedra e/ o di ruolo, degli esiti dei movimenti, la cui pubblicazione è prevista nei termini indicati nel comma 2 del succitato art.2 dell’OM, differenziati per i diversi ordini e gradi di istruzione.

PUBBLICAZIONE MOVIMENTI: DATE PREVISTE

Le date previste nell’OM per la pubblicazione dei movimenti sono le seguenti:

scuola dell’Infanzia……………………………8 giugno

scuola Primaria…………………………………30 maggio

scuola Secondaria I grado…………………25 giugno

scuola Secondaria II grado………………..10 luglio

COMUNICAZIONE ESITI MOVIMENTI: DIVERSE MODALITÀ

Sono tanti i docenti che vorrebbero essere informati sulle modalità con le quali saranno comunicati gli esiti dei movimenti e sono numerose le richieste in tal senso che arrivano alla nostra redazione. Riteniamo utile, quindi fornire i chiarimenti richiesti, evidenziando le diverse modalità con le quali i docenti interessati potranno essere informati

PUBBLICAZIONE NEL SITO ISTITUZIONALE DELL’UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE

Come chiarisce l’art.6 dell’OM, l’elenco di coloro che hanno ottenuto il trasferimento o il passaggio viene pubblicato all’albo dell’Ufficio territoriale di destinazione, con l’indicazione, a fianco di ogni nominativo, della scuola o dell’ambito di destinazione, della tipologia di posto richiesto, del punteggio complessivo, delle eventuali precedenze, nel rispetto delle norme di cui al D.L.vo 30 giugno 2003, n. 196 e successive modifiche ed integrazioni, dell’Ufficio territoriale che ha valutato la domanda e dell’esito ottenuto.

COMUNICAZIONE NEL PORTALE ISTANZE ONLINE

È possibile verificare l’esito del movimento richiesto nel portale Istanze online del MIUR, accedendo nella sezione “Altri servizi”, presente sulla home page del portale, e di seguito nella sezione “Mobilità in Organico di diritto” dove, attraverso l’apposita funzione disponibile, sarà possibile visualizzare il risultato del movimento richiesto.

Per accedere alla funzione, il docente deve “cliccare” sul pulsante “Visualizza Risultato” dove potrà visualizzare se la sua domanda di mobilità è stata soddisfatta e, nel caso di esito favorevole, sarà indicata anche la sede assegnata

Questa funzione è disponibile per tutte le domande presentate dal docente, cioè sia per le domande inserite in modalità on-line che per le domande consegnate su carta.

La funzione è disponibile solo dopo la pubblicazione dei risultati da parte dell’Ufficio Scolastico Provinciale.

COMUNICAZIONE TRAMITE POSTA ELETTRONICA

A coloro che hanno ottenuto il trasferimento o il passaggio viene data comunicazione del provvedimento anche per posta elettronica all’indirizzo inserito all’atto della registrazione nel portale Istanze online.

La comunicazione tramite posta elettronica potrà riguardare non solo l’esito favorevole, ma anche l’esito negativo nel caso in cui la domanda non sia stata soddisfatta.

COMPITI DEGLI UFFICI SCOLASTICI TERRITORIALI

Contemporaneamente alla pubblicazione dei movimenti e alla comunicazione del provvedimento alle istituzioni scolastiche, come chiarisce l’art.6 comma 3 dell’OM, gli Uffici territorialmente competenti devono provvedere alle relative comunicazioni:

  • alla scuola o istituto di provenienza
  • alla scuola o istituto di destinazione
  • al locale dipartimento provinciale del tesoro

Mobilità scuola docenti 2018: vademecum compilazione domanda e modelli per dichiarazioni personali

Mobilità 2018/19, domande dal 3 aprile. Posti disponibili, scelta scuola, no vincolo triennale, precedenze. Lo speciale

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione