Mobilità 2018/19, chi può presentare domanda e quali preferenze può esprimere

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Firmato il CCNI riguardante la mobilità territoriale e professionale per l’anno scolastico 2018/19.

Mobilità 2018/19: firmato il contratto. Domande dal 3 aprile, presto l’Ordinanza Ministeriale

Il Contratto, come riferito in diversi nostri articoli, è il medesimo dello scorso anno scolastico, che è stato dunque prorogato in attesa del prossimo contratto che avrà durata triennale, come stabilito nel nuovo CCNL 2016/18.

Vediamo in questa scheda chi può presentare domanda e quali preferenze si possono esprimere.

DATE PRESENTAZIONE DOMANDE

CHI PUÒ PRESENTARE DOMANDA 

Essendo stata confermata la deroga al vincolo triennale di permanenza nella provincia di titolarità e nella scuola in cui si è ricevuto l’incarico triennale, tutti i docenti, compresi i neo assunti (assunti cioè il 01/09/2017), potranno presentare domanda di mobilità sia provinciale che interprovinciale. Approfondisci Mobilità 2018/19: confermata deroga al vincolo triennale su provincia, tutti i docenti potranno partecipare a mobilità territoriale interprovinciale

Rimane il vincolo, relativamente al passaggio di ruolo, per coloro i quali non hanno superato l’anno di prova.

PREFERENZE

Sarà possibile indicare scuole e ambiti territoriali, per cui la titolarità sarà su scuola per chi otterrà il trasferimento in una delle scuole indicate, su ambito se si otterrà il trasferimento su ambito. Mobilità 2018/19 e preferenze esprimibili: confermate scuole e ambiti, niente preferenza sintetica su comune. I particolari

Il docente che intende essere trasferito anche su COE (cattedra orario esterna, ossia cattedre con completamento presso una scuola diversa) deve farne esplicita richiesta nella domanda, altrimenti le preferenze espresse saranno valutate solo per le COI (cattedra orario interna). Mobilità 2018/19, preferenze su scuola: cattedre interne o cattedre esterne? Completamento esterno anche su ambiti diversi auspicabile

SCELTA PROVINCIA

La domanda è unica, per cui in caso di trasferimento provinciale e interprovinciale l’aspirante procederà alla compilazione di una sola istanza.

E’ possibile chiedere il trasferimento interprovinciale per una o più province. Clicca qui per approfondire

Speciale mobilità

Date di presentazione domande

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione