Mobilità 2018/19, come si compila la sezione “Esigenze di famiglia”. Il vademecum

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Pubblichiamo, tratto dal vademecum realizzato in collaborazione con la UIL Scuola, le indicazioni utili per la compilazione della domanda di trasferimento provinciale e/o interprovinciale del personale docente relativamente alle esigenze di famiglia

SCUOLA DELL’INFANZIA / SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO / SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO

SCUOLA PRIMARIA

Indicare la provincia e il comune in cui risiede il familiare a cui si chiede il ricongiungimento.

IL SISTEMA ASSEGNERÀ 6 pp. PER LE SCUOLE E/O GLI AMBITI INDICATI NEL MODULO – DOMANDA CHE SI RIFERISCONO AL COMUNE DI RICONGIUNGIMENTO.

Il punteggio è assegnato anche per tutte le preferenze che sono comprese nell’attuale comune di titolarità se coincidente con il comune di ricongiungimento.

NOTA BENE: È possibile richiedere il ricongiungimento al coniuge (o parte dell’unione civile) ovvero, nel caso di docenti senza coniuge o separati giudizialmente o consensualmente con atto omologato dal tribunale, per ricongiungimento ai genitori o ai figli.

Si prescinde dalla residenza del docente.

Pertanto il ricongiungimento al figlio o al genitore si potrà richiedere solo se il docente non è coniugato o se è separato giudizialmente o consensualmente con atto omologato dal tribunale (cosa che dovrà risultare chiaramente nell’autocertificazione allegata).

Il punteggio per il ricongiungimento al coniuge (o parte dell’unione civile), ai genitori o ai figli (nei casi previsti) è attribuito:

  • Se è allegata una dichiarazione personale dalla quale risulti il grado di parentela che intercorre tra il richiedente e la persona cui intende ricongiungersi.
  • Se la residenza della persona alla quale si richiede il ricongiungimento è comprovata con una dichiarazione personale, nella quale l’interessato dichiari che la decorrenza dell’iscrizione anagrafica deve essere anteriore di almeno tre mesi alla data di pubblicazione all’albo dell’ufficio territorialmente competente dell’O.M..

NOTA BENE: dal requisito della residenza si prescinde quando si chiede il ricongiungimento al familiare destinato a nuova sede per motivi di lavoro nei tre mesi antecedenti alla data di emanazione dell’ordinanza. In tal caso, per l’attribuzione del punteggio, deve essere presentata una dichiarazione del datore di lavoro che attesti tale circostanza.

SCUOLA DELL’INFANZIA / SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO / SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO

SCUOLA PRIMARIA

IL SISTEMA ASSEGNERÀ 6 pp. PER LE SCUOLE E/O GLI AMBITI INDICATI CHE SI RIFERISCONO AL COMUNE DI DOVE È NECESSARIO PRESTARE LA CURA O ASSISTENZA.

Si prescinde dalla residenza del docente.

Indicare la provincia e il comune dove è necessario prestare la cura e l’assistenza:

  • del figlio con minorazione fisica, psichica o sensoriale;
  • ovvero il comune per prestare la cura e l’assistenza del figlio tossicodipendente;
  • del coniuge (o parte dell’unione civile) o del genitore, totalmente e permanente inabile al lavoro che può essere assistito soltanto nel comune richiesto.

NOTA BENE – Tale casella può essere compilata solo se ci sono determinate condizioni ovvero:

  1. figlio minorato, ovvero coniuge o genitore, ricoverati permanentemente in un istituto di cura;
  2. figlio minorato, ovvero coniuge o genitore bisognosi di cure continuative presso un istituto di cura tali da comportare di necessità la residenza nella sede dello istituto medesimo.
  3. figlio tossicodipendente sottoposto ad un programma terapeutico e socio-riabilitativo da attuare presso le strutture pubbliche o private, programma che comporti di necessità il domicilio nella sede della struttura stessa, ovvero, presso la residenza abituale con l’assistenza del medico di fiducia.

Documentazione (se si rientra nelle lettere di cui sopra)

  • Il ricovero permanente del figlio, del coniuge o del genitore deve essere documentato con certificato rilasciato dall’istituto di cura. Il bisogno, da parte dei medesimi, di cure continuative tali da comportare di necessità la residenza o il domicilio nella sede dell’istituto di cura, deve essere, invece, documentato con certificato rilasciato da ente pubblico ospedaliero o dall’azienda sanitaria locale o dall’ufficiale sanitario o da un medico militare.
  • La situazione di gravità delle personale con sindrome di Down può essere documentata mediante certificazione del medico di base.

L’interessato deve, altresì, comprovare con dichiarazione personale, che il figlio, il coniuge, il genitore può essere assistito soltanto nel comune richiesto per trasferimento, in quanto nella sede di titolarità non esiste un istituto di cura presso il quale il medesimo può essere assistito.

  • Per i figli tossicodipendenti l’attuazione di un programma terapeutico e socio-riabilitativo deve essere documentato con certificazione rilasciata dalla struttura pubblica o privata in cui avviene la riabilitazione stessa (artt.114, 118 e 122 D.P.R. 9.10.1990, n. 309).

L’interessato deve comprovare, sempre con dichiarazione personale, che il figlio tossicodipendente può essere assistito soltanto nel comune richiesto per trasferimento, in quanto nella sede di titolarità non esiste una struttura pubblica o privata presso la quale il medesimo può essere sottoposto a programma terapeutico e socio-riabilitativo, ovvero perché in tale comune – residenza abituale – il figlio tossicodipendente viene sottoposto a programma terapeutico con l’assistenza di un medico di fiducia come previsto dall’art. 122, comma 3, citato D.P.R. n. 309/1990. In mancanza di detta dichiarazione, la documentazione esibita non viene presa in considerazione.

SCUOLA DELL’INFANZIA / SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO / SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO

SCUOLA PRIMARIA

Indicare il numero dei figli.

Si attribuiscono punti 4 per ogni figlio (a prescindere dalla residenza del docente e di quella dei figli).

SCUOLA DELL’INFANZIA / SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO / SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO

SCUOLA PRIMARIA

Indicare il numero dei figli.

Si attribuiscono punti 3 per ogni figlio (a prescindere dalla residenza del docente e di quella dei figli)

NOTA BENE (lettere B e C)

  • L’interessato deve attestare con dichiarazioni personali l’esistenza dei figli (precisando luogo e data di nascita).
  • I punteggi si intendono estesi anche al figlio adottivo o in affidamento preadottivo o in affidamento.
  • Il punteggio va inoltre attribuito anche per i figli che compiono i sei anni o i diciotto tra il 1 gennaio e il 31/12/2018.
  • Lo stato di figlio maggiorenne che, a causa di infermità o difetto fisico o mentale, si trovi nell’assoluta o permanente impossibilità di dedicarsi ad un proficuo lavoro, deve essere documentato con certificazione o copia della stessa rilasciata dalla A.S.L. o dalle preesistenti commissioni sanitarie provinciali.

Tutto il Vademecum in PDF

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione