Mobilità 2018/19, in alcune province trasferimenti 100% con 104. Alcuni dati

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Ancora pochi spiragli per il trasferimento dei docenti immobilizzati o trasferiti dalla Buona Scuola in una provincia non gradita. In alcune province del sud continuano a prevalere i trasferimenti di docenti che possono vantare una precedenza. Senza precedenza, serve comunque un punteggio alto.

Oggi esiti trasferimenti primaria

Oggi 1° giugno si aprono i risultati per le domande di mobilità dei docenti per l’a.s. 2018/19, con gli esiti della primaria. I bollettini sono presenti sul sito dell’ufficio scolastico della provincia richiesta. e i docenti hanno ricevuto notifica su Istanze on line e la mail nella casella di posta.

30% ai trasferimenti interprovinciali

Il 30% dei posti residui dopo la mobilità provinciale, va ai trasferimenti interprovinciali. Negli anni scorsi questa aliquota è stata saturata quasi al 100% dai trasferimenti ottenuti da docenti che potevano vantare di una delle precedenze prevista dal Contratto, fino al record della provincia di Agrigento.

Quali sono le precedenze per ottenere il trasferimento

Sono indicate nell’art. 13 del contratto sulla mobilità 2018/19, raggruppate sistematicamente per categoria e funzionalmente inserite, secondo un preciso ordine di priorità. Mobilità 2018/19, chi ha la precedenza? Quando si applica e quando decade

Qualche esempio

Agrigento 12 trasferimenti interprovinciali, tutti con precedenza

Napoli: 115 trasferimenti interprovinciali, di cui 114 con precedenza

Bari: 78 trasferimenti interprovinciali di cui 19 con precedenza e 59 senza

Cosenza: 57 trasferimenti interprovinciali di cui 44 con precedenza e 13 senza

Reggio Calabria 48 su 47 (solo un’insegnante con 210 punti) trasferiti con precedenza

Stessi dati per Messina, Catania, Palermo, Enna, Siracusa: il numero quasi totale dei movimenti riguarda docenti che possono vantare  precedenza da C.C.N.L.

Ragusa  7  trasferimenti interprovinciali  tutti con precedenza

Bari: 82 trasferimenti interprovinciali di cui 13 con precedenza
Brindisi: 34 trasferimenti interprovinciali di cui 11 con precedenza
Lecce: 43 trasferimenti interprovinciali di cui 33 con precedenza.
Avellino 21 trasferimenti
Certo, qualche spiraglio si apre. Sui social leggiamo i commenti di docenti che pur non riuscendo ad ottenere la provincia desiderata, si si sono comunque avvicinati ai propri affetti, ma è tanta anche la delusione.

Per segnalare i dati della tua provincia o commentare il risultato puoi scrivere a [email protected]

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione