Mobilità 2017, Gilda: Miur propone contrattazione per assegnazione solo su comuni di ambiti diversi

Stampa

Comunicato Gilda – Ennesima fumata nera nella trattativa per il contratto sulla mobilità 2017/2018. Anche l’incontro di oggi tra sindacati e Amministrazione si è concluso con un nulla di fatto.

“Nonostante sia stata ultimata la revisione tecnica dell’ipotesi di contratto, – spiega la Gilda degli Insegnanti – restano insoluti alcuni nodi politici, fra cui qualcuno risulta addirittura peggiorato rispetto alle precedenti bozze.

Per esempio, l’Amministrazione fa un passo indietro sulla disponibilità di lasciare alla contrattazione di istituto l’assegnazione dei docenti ai plessi in altri comuni negli IIS con codice unico e propone, invece, che la contrattazione si svolga soltanto su comuni di diversi ambiti. Una condizione – sottolinea la Gilda – che riteniamo inaccettabile e che ancora una volta dimostra di voler lasciare alla discrezionalità del dirigente scolastico anche l’assegnazione degli insegnanti ai plessi”.

“Continuando su questa strada – conclude la Gilda – per noi risulterà sempre più difficile accettare e siglare un contratto che rischia di generare ulteriore caos nelle scuole”.

Il prossimo incontro è fissato per il pomeriggio di lunedì 30 gennaio.

Mobilità 2017, lunedì possibile firma. Le novità in 9 punti. Nodi da sciogliere, docenti titolari ambito devono poter acquisire titolarità nella scuola di servizio

Tutto sulla mobilità

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur