Mobilità 2017, Anief: svolti i trasferimenti della scuola d’infanzia con contratto viziato da irregolarità

di Giulia Boffa
ipsef

item-thumbnail

Dopo quelli della primaria, sono arrivati anche i trasferimenti della scuola dell’infanzia.

 Solo che in entrambi i casi, il contratto che li ha regolati è viziato da grosse illegittimità: proprio a ridosso della pubblicazione degli esiti dei trasferimenti dei maestri degli alunni fino a 6 anni, l’Anief ha infatti ottenuto altre sentenze che annullano il CCNI nella parte in cui non riconosce punteggio al servizio svolto nelle paritarie e non computa il preruolo per il raggiungimento del quinquennio d’obbligo di permanenza su posto di sostegno.

 

I docenti di sostegno hanno diritto al trasferimento sulla disciplina se in possesso di almeno 5 anni di servizio svolto anche computando il periodo di precariato. Questo quanto emerge a chiare lettere nel nuovo provvedimento ottenuto dai legali Anief presso il Tribunale del Lavoro di Cosenza che accoglie senza indugi il ricorso Anief e impone all’Amministrazione di rivalutare la domanda della ricorrente anche ai fini del trasferimento su posto comune, computando tutto il servizio svolto prima dell’assunzione a tempo indeterminato, ai fini del raggiungimento del quinquennio obbligatorio di permanenza su posto di sostegno. Il Tribunale del Lavoro di Siena, invece, continua a dare ragione al nostro sindacato imponendo l’attribuzione del punteggio previsto per la scuola statale anche al preruolo nella scuola paritaria e dichiara nullo il CCNI nella parte in cui non rispetta la normativa primaria sul punto.

Per i giudici, infatti, “il criterio del punteggio resta comunque prioritario rispetto a quello dell’ordine delle preferenze, nel senso che, in assenza di titoli di precedenza, per ciascuna preferenza indicata prevale l’aspirante con il punteggio più elevato, mentre invece l’ordine delle preferenze è decisivo solo a parità di punteggio” in quanto “una diversa interpretazione della norma collettiva si porrebbe, inoltre, in violazione del principio generale di scorrimento delle graduatorie fondato sul merito. La procedura di mobilità, infatti, costituisce una procedura concorsuale di impiego, basata sulla redazione di graduatorie e, quindi, lo scorrimento della graduatoria vincola l’amministrazione e la violazione di tale principio dà luogo ad un’incertezza assoluta sulle modalità di assegnazione delle sedi, incertezza che contrasta con i cardini dell’imparzialità e del buon andamento della P.A.”.

 

“Le operazioni di mobilità 2017 – spiega Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal – sono inficiate da una contrattazione collettiva lesiva dei diritti dei lavoratori; noi avevamo mosso le nostre perplessità sin da subito e rilevato le illegittimità contenute nel CCNI. Ora, l’unica strada per tutelare i diritti dei docenti di ruolo è procedere in tribunale dove le nostre ragioni hanno già ottenuto unanime conferma sin dallo scorso anno”.

 

È ancora possibile aderire ai ricorsi Anief per ottenere il punteggio del servizio svolto nelle scuole paritarie o il punteggio per i titoli SSIS, TFA, Sostegno, per il servizio militare svolto non in costanza di nomina cui il CCNI non attribuisce punteggio, se si sono dichiarati nella domanda di mobilità e non si è ottenuto il movimento richiesto. Per ulteriori informazioni e aderire ai ricorsi Anief contro il CCNI 2017 Mobilità, clicca qui.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione