Mobilità. Trasferimento su COI o su COE: dipende dalla scelta che effettuerà il docente nella domanda

WhatsApp
Telegram

Riportiamo le ultime risposte dei nostri consulenti nella rubrica "Chiedilo a Lalla". Ricordiamo che per le istituzioni scolastiche abbiamo approntato un canale di consulenza gratuita e con risposta garantita.

Riportiamo le ultime risposte dei nostri consulenti nella rubrica "Chiedilo a Lalla". Ricordiamo che per le istituzioni scolastiche abbiamo approntato un canale di consulenza gratuita e con risposta garantita.

Trasferimento su COI o su COE: dipende dalla scelta che effettuerà il docente nella domanda

Antonia – Ho la titolarità fuori dal comune di residenza e vorrei rientrare per motivi di famiglia in questo comune. Ho in mente di mettere nella domanda di trasferimento una sola scuola nella quale sono attualmente in assegnazione  provvisoria. Leggendo su Orizzonte Scuola l’articolo del 22 marzo sulle cattedre orario interne ed esterne, ho capito che posso indicare nella domanda entrambe le preferenze. Secondo lei, così facendo, ho più possibilità di mettere piede nella scuola in cui sono adesso? Quali sono eventualmente i pro e i contro di una tale scelta? In sostanza mi andrebbe bene anche una cattedra oraria esterna  purché possa avere come scuola base la scuola prescelta nella speranza di ottenere in futuro il trasferimento vero e proprio. Spero di essere stata chiara nell’esposizione del mio quesito. Grazie mille

Mobilità interprovinciale in fase B: chiarimenti sulle preferenze esprimibili

Antonella – Sono una insegnate di scuola primaria assunta entro l’a.s. 2014/2015 e aspirante al trasferimento e passaggio di ruolo tra provincie diverse (fase B ipotesi CCNI sulla mobilità 2016/2017). Con la presente desidero sapere se si può chiedere una sola provincia, come per gli anni precedenti, o tutte le provincie con i corrispondenti ambiti territoriali. Cordiali saluti

DOS: chi è in assegnazione provvisoria non può chiedere conferma

Giuseppe – a proposito della conferma o meno dei titolarità DOS. Io sono docente DOS in assegnazione provvisoria interprovinciale. A chi devo chiedere conferma?

DOS: conferma nella scuola di attuale utilizzo e domanda di trasferimento su posto comune

Paolo – in merito a quanto in oggetto sono a chiederle, cortesemente, quanto segue: un docente DOS che ha assolto all’obbligo di permanenza per un quinquennio su posto sostegno e che quest’anno vuole fare la richiesta di “trasferimento su posto comune”, può comunque a scopo cautelativo presentare la “domanda di conferma della sede di servizio” per il sostegno ? Mi spiego meglio: se il docente presenta la domanda di conferma della sede di servizio per il sostegno, può poi comunque presentare (sempre quest’anno) la domanda di trasferimento su posto comune o il fatto di aver prodotto la prima domanda gli preclude la seconda? In attesa di un suo cortese riscontro, la ringrazio per la cortese attenzione. Cordiali saluti

Il DOS che chiede la conferma nella propria provincia può produrre domanda di trasferimento interprovinciale

Santino  – gentile redazione, Stamani ho preso visione dell’articolo a firma “Paolo Pizzo”. Articolo che rispondeva ad un mio quesito inviato qualche giorno fa.  Sono un Docente di sostegno utilizzato a Roma e in assegnazione provvisoria a Reggio Calabria. Dove dovevo inviare domanda di conferma ? l’articolo risponde esaustivamente a questa domanda. Ma per la successiva possibilità di presentare domanda di mobilità interprovinciale, a mio modo di vedere l’articolo non è chiaro. Nel passaggio riportato, “”Ciò quindi non precluderà al docente di produrre COMUNQUE domanda di trasferimento su posto comune o di passaggio per la stessa provincia o per altre province””, viene precisato che il docente DOS dopo aver ottenuto la sede definitiva, per esempio, a Roma potrebbe chiedere trasferimento interprovinciale ma SU POSTO COMUNE O DI PASSAGGIO. cosa vuol dire? Nel mio caso, chiedo conferma a Roma, dove sono utilizzato, poi non potrò fare domanda di trasferimento a Reggio Calabria sul sostegno ma solo sulla comune ?

Trasferimento interprovinciale per docente in ruolo dall’a.s. 2006/07: chiarimenti su fase del movimento e titolarità

Lucia – Vi scrivo in merito alla mobilità. Sono di ruolo dal 2006, se chiedessi mobilità interprovinciale, cosa mi succederà? Vado negli ambiti territoriali o posso ancora scegliere le scuole? Vado in coda a tutte le fasi e a tutti gli immessi in ruolo…fase 0 A B C ? Grazie per la  risposta che sicuramente renderà più chiara la mia situazione.

Passaggio di ruolo provinciale: se non si ottiene il movimento richiesto, la titolarità rimarrà invariata

Laura – Sono un’insegnante della scuola dell’infanzia entrata in ruolo nell’a.s. 2014/15. Attualmente lavoro nel comune X , ma essendo residente in un altro paese della stessa provincia vorrei chiedere il trasferimento. Mi piacerebbe però fare domanda per la primaria altrimenti preferirei rimanere dove sono. E’ possibile fare domanda di trasferimento cambiando comune e ruolo? Qualora faccia domanda e questa non venga accettata posso mantenere il mio posto attuale? Grazie dell’attenzione.

Chiedilo a Lalla

WhatsApp
Telegram

Perché scegliere il Corso di Preparazione al Concorso per Dirigente scolastico di Eurosofia?