Mobilità secondaria II grado fase A con errori: assegnata sede a docenti di fase C, validato servizio nelle paritarie e 12 punti anche per abilitazioni riservate

di redazione
ipsef

La denuncia arriva dalla FLCGIL di Napoli, ma sappiamo che gli errori sono comuni ad altre province – non tutte e non per tutte le problematiche naturalmente –  e si concentrano in particolare su alcuni dati.

La denuncia arriva dalla FLCGIL di Napoli, ma sappiamo che gli errori sono comuni ad altre province – non tutte e non per tutte le problematiche naturalmente –  e si concentrano in particolare su alcuni dati.

Le fattispecie di errori riscontrati

  • docenti neo immessi in ruolo da GAE nella fase C del piano di assunzioni straordinario, ai quali è stata attribuita sede definitiva nel corso della fase A delle procedure di mobilità;
  • docenti DOS che pur avendo prodotto regolarmente domanda per la conferma della titolarità nella sede di servizio dove risultano tuttora presenti posti vacanti e disponibili, risultano aver partecipato alla fase A della mobilità ed assegnati ad una sede d'ufficio a zero punti;
  • docenti ai quali è stato validato il punteggio dichiarato relativamente al servizio svolto nelle scuole paritarie, anche nei casi non previsti (in maniera particolare per la scuola secondaria);
  • docenti ai quali è stato validato il punteggio dichiarato relativamente al superamento di un concorso, anche nei casi non previsti (abilitazioni riservate e concorsi per ordini e gradi inferiori a quello interessato al movimento)

Tali errori sono tutti riconducibili ad errori dell' Amministrazione nella registrazione a sistema dei neo immessi in ruolo, alla mancata pubblicazione dell' elenco dei docenti DOS confermati nelle sedi di servizio, ed al mancato controllo delle dichiarazioni di titoli e di servizio prodotte dai richiedenti.

La sede di Napoli della FLCGIL ha provveduto ad inviare diffida, affinchè venga

  • ripubblicato l'elenco dei docenti DOS assegnati alle sedi di servizio ai sensi dell' art. 7, comma 2 dell CCNI dell' 8 aprile 2016, rettificando per gli aventi diritto alla conferma della sede l' assegnazione ad altre sedi effettuata d' ufficio ed a zero punti;
  • revocati i trasferimenti erroneamente già effettuati a beneficio dei neo immessi in ruolo da GAE in fase C, destinati invece alle fasi successive di mobilità;
  • annullate le domande di mobilità per le quali siano stati dichiarati come validi servizi e titoli non validi;

Data la complessità della procedura, gli Uffici Scolastici dovranno altresì prestare attenzione alle domande delle fasi B, C e D, che coinvolgono un numero elevato di docenti, per i quali avere la sede di servizio in una provincia o in un'altra potrà fare la differenza.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare