Mobilità scuola secondaria I grado, Anief: si indichino fasi e precedenze per rendere procedura trasparente

WhatsApp
Telegram

Pur nel rispetto della privacy, vanno rese pubbliche le informazioni utili al personale coinvolto nei movimenti per verificare la correttezza dell'assegnazione della sede o dell'ambito territoriale.

Pur nel rispetto della privacy, vanno rese pubbliche le informazioni utili al personale coinvolto nei movimenti per verificare la correttezza dell'assegnazione della sede o dell'ambito territoriale.

Il giovane sindacato è, inoltre, sempre in attesa che siano sanate, o spiegate con la dovuta trasparenza, le assegnazioni dei posti più vicini alla residenza a colleghi inpossesso di punteggi più bassi rispetto ad altri, registrate la scorsa settimana. 

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): se si continuerà ad operare senza curarsi di comunicaretutte informazioni utili, quali fase di mobilità e possibili precedenze, gli uffici scolastici regionali e le sedi degli ambiti territoriali saranno invasi,in pieno agosto, da un alto numero di docenti che pretenderanno le dovute spiegazioni. Gli interessati, reclami alla mano e relative istanze di accessoagli atti, ingolferanno gli uffici periferici del Miur, rendendo ancora più complesso e difficile l’inizio del nuovo anno scolastico già messo a dura provada altre emergenze, come l’incremento delle reggenze, la riduzione degli istituti e l’aumento delle classi pollaio, l’alto numero di supplenze annualida conferire a lezioni iniziate e l’assegnazione del 30% di docenti di sostegno precari.

Per domani, 2 agosto, è prevista la pubblicazione di altre decine di migliaia di trasferimenti: sono quelli relativi alle fasi B, C e D dellasecondaria di primo grado. Dopo le anomalie ravvisate la scorsa settimana, in occasione degli spostamenti su sedi e ambiti territoriali dei docenti della scuoladell’infanzia e primaria, Anief chiede al Ministero dell’Istruzione che vengano al più presto sanate, o spiegate con la dovuta trasparenza, ai direttiinteressati attraverso una comunicazione ufficiale che giustifichi l’assegnazione dei posti più vicini alla residenza a colleghi in possesso dipunteggi più bassi rispetto ad altri. Inoltre, il sindacato fa appello al Miur perché nei trasferimenti ancora da effettuare siano presenti, sempre nelrispetto della privacy, tutte le indicazioni utili ad illustrare al personale coinvolto la corretta assegnazione di sede o ambito: specificando, in modoinequivocabile, la fase della mobilità cui ogni singolo docente apparteneva e l'eventuale diritto ad usufruire di una delle precedenze previste dall'art. 13del CCNI.

“Non è possibile che si ripeta quanto accaduto nei giorni scorsi – dichiara Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederaleCisal – con le sedi territoriali dei sindacati prese letteralmente d’assalto dai docenti trasferiti, anche a mille chilometri da casa, senza che ilMinistero si sia degnato di esplicitare loro quali siano state le fasi conseguenziali che hanno indotto l’algoritmo ad assegnare gli ambititerritoriali. Per non fare pasticci, basterebbe attenersi in modo fedele a quanto previsto nel contratto sulla mobilità 2016/2017, sottoscritto l’8 aprile scorso da quasi tutti i sindacati rappresentativi e specificare fase della mobilità cui si appartiene e diritto all'eventuale precedenza”.

“In caso contrario, se si continuerà ad operare senza curarsi di comunicare tutte le possibili informazioni utili, anche in base al tipo digraduatoria da cui il docente è stato assunto (concorsuale o da Gae), gli uffici scolastici regionali e le sedi degli ambiti territoriali saranno invasi,in pieno agosto, da un alto numero di docenti. Gli interessati – conclude il sindacalista Anief-Cisal – reclami alla mano e relative istanze di accesso agliatti, ingolferanno gli uffici periferici del Miur, rendendo ancora più complesso e difficile l’inizio del nuovo anno scolastico già, sicuramente, messo a duraprova da altre emergenze, come l’incremento delle reggenze e delle scuole 'acefale’, la riduzione degli istituti autonomi e l’incremento delle classi pollaio, l’alto numero di supplenze annuali, almeno 100mila, da conferire a lezioni iniziate, l’assegnazione del 30 per cento di docenti di sostegno, il dimezzamento delle risorse a supporto dell’offerta formativa e tanto altro”.

Anief, infine, ribadisce la richiesta di integrazione del documento ministeriale con i nominativi dei docenti trasferiti pubblicato il 29 luglio dal Miur con i 25.752 movimenti della primaria: occorre aggiungere, con sollecitudine, una colonna che indichi la fase della mobilità di ogni docente ed una seconda contenente l’eventuale diritto aduna precedenza. Lo stesso, dovrà avvenire in occasione dei trasferimenti dei docenti della scuola secondaria di primo e secondo grado, rispettivamentefissati per domani 2 agosto e sabato 13 agosto. Le stesse precedenze dovranno essere rese pubbliche anche in occasione dei prossimi trasferimenti delpersonale Ata.

1 agosto 2016

Ufficio Sampa Anief

www.anief.org

WhatsApp
Telegram

Eurosofia. Ultimi posti disponibili per partecipare all’incontro: “PNRR, Start-up per dirigenti scolastici – Attuazione delle linee di investimento”