Mobilità. Rocchi (PD): nessun esodo è previsto per i docenti di fase C

di redazione
ipsef

Ieri 13 luglio 2016, una delegazione del Coordinamento Nazionale Docenti Fase C, composta da docenti rappresentanti dei “potenziatori” del sud, del centro e del nord d'Italia, è stata ricevuta in Parlamento dalle onorevoli del PD Carocci, Rocchi, Sgambato, per un confronto in merito alla mobilità straordinaria in corso e alla situazione generale dei docenti entrati in ruolo sul potenziamento.

Ieri 13 luglio 2016, una delegazione del Coordinamento Nazionale Docenti Fase C, composta da docenti rappresentanti dei “potenziatori” del sud, del centro e del nord d'Italia, è stata ricevuta in Parlamento dalle onorevoli del PD Carocci, Rocchi, Sgambato, per un confronto in merito alla mobilità straordinaria in corso e alla situazione generale dei docenti entrati in ruolo sul potenziamento.

L'On. Rocchi – ci comunica il rappresentante della delegazione Teresa De Feo, Coordinamento Nazionale Docenti Fase C – rassicura i docenti in ansia a rischio trasferimento. Afferma che, in base ai numeri trasmessi dal MIUR, non si prevede nessun esodo tale da giustificare questi timori.

Lo stesso onorevole ha espresso tutta la sua disponibilità a sanare le numerose storture ed un utilizzo sconsiderato da parte dei Dirigenti scolastici dei docenti sui posti di potenziamento, impegnandosi personalmente a ricorrere anche allo strumento delle interrogazioni parlamentari per i casi più gravi.

Tutto sulla mobilità docenti 2016/17

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione