Mobilità: revoca passaggio di ruolo interprovinciale a neo immesso. Fondamentale la segnalazione di OrizzonteScuola.it

Di
Stampa

di Paolo Pizzo – Si risolve nell’unico modo possibile un’errata operazione di mobilità professionale che l’Ufficio Scolastico di Astu aveva accordato ad una docente neo immessa in ruolo. Fondamentale la segnalazione di Orizzonte Scuola.

di Paolo Pizzo – Si risolve nell’unico modo possibile un’errata operazione di mobilità professionale che l’Ufficio Scolastico di Astu aveva accordato ad una docente neo immessa in ruolo. Fondamentale la segnalazione di Orizzonte Scuola.

Il caso – Tre giorni fa ci aveva scritto un docente immesso in ruolo l’1/9/2013 sulla classe di concorso A043 tramite l’ultimo concorso docenti 2012.

Tale docente aveva chiesto il passaggio di ruolo alla A052 ma l’Ufficio Scolastico di Cuneo gli aveva rifiutato la richiesta adducendo a motivazione il fatto che non aveva concluso l’anno di prova.

Lo stesso insegnante però ci segnalava che altri Uffici Scolastici non avevano agito allo stesso modo e ci chiedeva quindi come mai ciò fosse possibile.

Nella lettera, infatti, affermava che una sua collega, immessa in ruolo sulla A043 nella provincia di Asti, tramite lo stesso concorso, aveva ottenuto il passaggio sulla A052 in provincia di Latina, senza alcuna obiezione da parte sia dell’Ufficio Scolastico di Asti che da quello di Latina.

Segui su Facebook le news sul mondo della scuola

Nella risposta al quesito ho puntualmente argomentato a favore della corretta procedura dell’Ufficio Scolastico di Cuneo in quanto il diniego posto al docente rispetta la normativa di cui all’art 3 del CCNI 2014 il quale afferma che le disposizioni relative alla mobilità professionale, contenute nel presente contratto, si applicano ai docenti, compresi gli insegnanti tecnico-pratici provenienti dagli Enti Locali, istitutori ed istitutrici con contratto a tempo indeterminato CHE, AL MOMENTO DELLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA, ABBIANO SUPERATO IL PERIODO DI PROVA.

Detto questo, il docente neo immesso in ruolo il 1/9/2013 in provincia di ASTI non può, all’atto della domanda (febb/marzo 2014), avere superato il periodo di prova e di conseguenza ottenere il passaggio di ruolo nella provincia di Latina perché coincidente con  lo stesso anno scolastico in cui il docente è stato immesso in ruolo.

Giova infatti ricordare che in virtù di quanto dispongono gli artt. 437 e 438 del Dlgs 297/94 l’anno di prova è di UN ANNO SCOLASTICO e pertanto termina il 31/8.

All’atto della domanda di passaggio, quindi, il docente non ha ancora terminata la prova.

E’ utile altresì precisare che nel caso in questione l’errore non è dell’Ufficio Scolastico di destinazione del passaggio di ruolo (Latina) ma di quello di provenienza (ASTI).

Infatti è l’Ufficio Scolastico di provenienza che accetta la domanda e la documentazione prodotta dal docente e che quindi dispone poi il passaggio di ruolo interprovinciale.

In ogni caso la situazione descritta dal docente si è risolta nel rispetto della normativa vigente in quanto l’Ufficio Scolastico di Asti ha emanato una nota con la quale ha revocato il passaggio di ruolo della docente con la motivazione che non aveva ancora superato il periodo di prova.

La segnalazione di OrizzonteScuola.it

Il decreto dell’Ufficio Scolastico di Latina nel quale si evidenzia la revoca del passaggio di ruolo

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur