Mobilità. Opzione di conferma per il DOS assunto in fase 0 e A

Stampa

Riportiamo le ultime risposte dei nostri consulenti nella rubrica "Chiedilo a Lalla". Ricordiamo che per le istituzioni scolastiche abbiamo approntato un canale di consulenza gratuita e con risposta garantita.

Riportiamo le ultime risposte dei nostri consulenti nella rubrica "Chiedilo a Lalla". Ricordiamo che per le istituzioni scolastiche abbiamo approntato un canale di consulenza gratuita e con risposta garantita.

Trasferimenti intercomunali e assistenza al disabile

Scuola – Gentilissimi, vorrei porvi il seguente quesito: 1) Una docente residente nel Comune di Pozzuoli e titolare in una scuola sempre del Comune di Pozzuoli sulla materia vuole presentare domanda di trasferimento per il sostegno mettendo come preferenze sia la stessa scuola di titolarità che altre scuole dello stesso Comune di Pozzuoli. In questo caso (Comune di titolarità = Comune richiesto per trasferimento = comune di propria residenza = comune di residenza della madre disabile) la docente può usufruire della precedenza di cui all’art. 13 comma 1 punto V per l’assistenza alla madre disabile (e vedova) ai sensi della L. 104/92art. 5 e 7 dal momento che anche la madre, come lei, risiede nel Comune di Pozzuoli?

Opzione di conferma per il DOS assunto in fase 0 e A

Dirigente Scolastico  – avremmo bisogno di una consulenza relativa alla possibilità per i docenti neo-assunti sul sostegno nelle fasi 0 e A di chiedere la conferma della sede per l’a.s. 2016/2017. A tutt’oggi i vari USR e ATP stanno adottando una interpretazione differente della normativa: ad esempio l’USR Molise ha concesso la possibilità della conferma, mentre gli USR del Lazio e della Campania hanno negato tale possibilità sostenendo che i neoassunti sul sostegno nelle fasi 0 e A debbano produrre domanda di mobilità provinciale. I sindacati sostengono che la conferma della sede sia legittima, in quanto non esiste alcuna norma ostativa in tal senso. Esiste un riferimento normativo preciso o almeno un’ordinanza, una circolare o una nota per sciogliere la questione? Come devono regolarsi i dirigenti scolastici al fine di evitare inutili contenziosi?

Trasferimento a domanda condizionata in una scuola richiesta: si mantiene il diritto a rientrare con precedenza nella scuola di ex-titolarità

Tiziana–  Sono docente di scuola secondaria di primo grado. Sono stata trasferita d’ufficio per l’anno scolastico 2015/2016 a seguito della dichiarazione di soprannumerarietà. Lo scorso anno ho compilato la domanda di trasferimento condizionata indicando la preferenza al rientro nella scuola di titolarità. Quest’anno ho compilato la domanda di trasferimento in modo da beneficiare della precedenza al rientro sulla sede di titolarità; ho inoltre aggiunto nelle preferenze una ulteriore sede. Nel caso in cui il prossimo anno scolastico  venissi trasferita nella sede  scelta come seconda, manterrei ugualmente il diritto al rientro nella sede di titolarità con precedenza? Attendo con ansia una vostra risposta. Vi ringrazio in anticipo per la vostra collaborazione.

Docente neo-immesso e trasferimento d’ufficio: quali criteri per l’assegnazione della sede definitiva?

Viviana – Gentilissimi,sono un’insegnante di scuola dell’infanzia,  posto sostegno, immessa in ruolo il 1 settembre 2015. Sto procedendo alla compilazione della domanda di mobilità.  Vi chiedo cosa succede se in nessuno dei 20 istituti che indicherò ci sarà posto.  Come avverrà l’assegnazione d’ufficio della sede di titolarità?  Con quali criteri? Attendo una vostra  risposta.  Grazie per il prezioso supporto che date.

Compilazione modello D1 (trasferimento II grado): chiarimenti per sezione F, caselle 35 e 36( cattedre orario e corsi serali)

Lara – Gentile redazione, vorrei avere delucidazioni in merito alla compilazione delle caselle 35 e  36 relative al modulo di trasferimento per la fase A per la scuola secondaria di secondo grado.  Supponiamo che non desidero cattedre su più istituti né nello stesso comune né in più comuni, né cattedre al serale, come devo comportarmi? Grazie

Docente nel vincolo quinquennale e mobilità: può chiedere trasferimento e passaggio ruolo solo sul sostegno

Stefano – Sono un insegnante (sostegno) di ruolo dall’anno 2012/2013 della scuola secondaria di primo grado, é mia intenzione fare domanda di passaggio di ruolo alla secondaria di secondo grado (sostegno), premetto di essere in possesso dei requisiti per il passaggio di ruolo, la mia domanda è: posso contemporaneamente produrre domanda di trasferimento anche per la secondaria di primo grado? Anticipatamente ringrazio

Domande contemporanee di trasferimento e passaggio di ruolo : prevale il passaggio di ruolo

Silvia – Sono un insegnante di sostegno di Scuola Secondaria di Primo Grado e vorrei fare sia domanda di trasferimento che di passaggio di ruolo dando priorità al trasferimento. In una vostra guida ho trovato scritto che “I docenti delle scuole ed istituti di istruzione secondaria che intendono chiedere contemporaneamente trasferimento e passaggio di cattedra, devono precisare, nell’apposita sezione del modulo-domanda di passaggio di cattedra, a quale movimento (trasferimento o passaggio) intendono dare precedenza e, in caso di più domande di passaggio, con quale ordine intendono che esse siano trattate. In mancanza di indicazioni chiare viene data precedenza al trasferimento”.  Non riesco a trovare l’apposita sezione sulla domanda di passaggio di ruolo. Questa opzione viene visualizzata successivamente all’inserimento delle domanda? Grazie.

Chiedilo a Lalla

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur