Mobilità. NON è stato affatto rispettato IL CRITERIO DI VICINORIETA’. Lettera

Stampa

All'attenzione del responsabile USR Piemonte per l'assegnazione dei docenti di ruolo rispetto alla mobilità obbligata di quest'anno scolastico.

All'attenzione del responsabile USR Piemonte per l'assegnazione dei docenti di ruolo rispetto alla mobilità obbligata di quest'anno scolastico.

e per conoscenza: – al Dirigente Scolastico 

Premetto che: Ho provato a telefonare oggi quasi tutto il giorno ai numeri di telefono interni che mi sono stati dati dal centralino ma non ho ricevuto risposta. Allora scrivo una mail a cui spero di avere risposta a breve, eventualmente anche tramite telefono.

Mi chiamo Fabio Malvaso, docente della A037 (Filosofia e Storia nei Licei) nella Regione Piemonte, neoassunto in fase C da GAE, sono residente a Moncalieri e purtroppo sono stato trasferito lontano da casa, nell'ambito Piemonte 0011, Alessandria-Valenza-Casale Monf. Essendo in sovrannumero in quell'ambito territoriale, non avendo ricevuto incarichi da parte del Dirigente Scolastico a cui avevo inoltrato regolarmente la domanda, ho aspettato la mail di collocazione il 31 Agosto e con mia grande sorpresa, mi è stato conferito l'incarico in un istituto tecnico, il "Leardi" di Casale Monferrato che NON ha la mia classe di concorso e che ha già il docente della A037 (tal Professor Molaro Giuseppe) come docente di potenziamento. Al di là dell'assurdità del fatto di essere inserito -come soprannumero- in un istituto tecnico in un ambito territoriale in cui sono presenti diversi licei che prevedono la mia classe di concorso, segnalo comunque che

– NON è stato affatto rispettato IL CRITERIO DI VICINORIETà a cui il "famoso" algoritmo avrebbe dovuto attenersi, poiché su istanze on line avevo segnalato il Liceo Scientifico Galilei di Alessandria come istituto base da cui partire per la collocazione; l'Istituto Leardi a cui sono stato assegnato – ripeto, in sovrannumero, perché il docente di potenziamento richiesto dalla scuola era già stato individuato il giorno prima come comunicato dall'USP di Alessandria- risulta essere situato nella città più lontana in assoluto rispetto all'istituto indicato come partente da detto criterio. Non dovendo ricoprire alcuna cattedra richiesta dalla scuola, si capisce chiaramente come la mia collocazione sia oggetto di contestazione. Vorrei chiedere gentilmente dei chiarimenti in proposito e, se è mio diritto, una ricollocazione che rispetti quei criteri indicati dal Miur stesso. Faccio grazia del diritto al buon senso, che è una di quelle regole non scritte che fa funzionare organismi complessi come quello scolastico. Quando è un software a gestire la vita delle persone che dovrebbero educare le nuove generazioni, la sconfitta è certificata in partenza.

Prof. Fabio Malvaso.

Stampa

Dattilografia + ECDL: 1,60 punti per il personale ATA a soli 160€!