Mobilità: nel trasferimento interprovinciale non è valida la precedenza per assistenza al genitore

Di

Analizziamo quali sono le precedenze valide nei trasferimenti, sulla base dell'ipotesi di contratto sottoscritta il 10 febbraio tra Miur e sindacati, ora al vaglio della Funzione Pubblica.

Analizziamo quali sono le precedenze valide nei trasferimenti, sulla base dell'ipotesi di contratto sottoscritta il 10 febbraio tra Miur e sindacati, ora al vaglio della Funzione Pubblica.

Il punto V dell'art 13 dispone “Nei trasferimenti interprovinciali è riconosciuta la precedenza ai soli genitori, anche adottivi, o a chi, individuato dall'autorità giudiziaria competente, esercita legale tutela e successivamente al coniuge del disabile in situazione di gravità, obbligati all'assistenza. Il figlio che assiste il genitore in situazione di gravità ha diritto ad usufruire della precedenza tra province diverse esclusivamente nelle operazioni di assegnazione provvisoria, fermo restando il diritto a presentare la domanda di mobilità.

Fino allo scorso anno quando vigeva il blocco triennale per i trasferimenti tra province diverse, il docente che assisteva il genitore con disabilità in qualità di figlio referente unico poteva superare tale blocco pur non godendo comunque di una precedenza. L'assistenza, quindi, era utile solo ai fini del superamento del blocco triennale.

Dal momento che per la prossima mobilità il blocco triennale non esiste per nessuna categoria dei docenti, il nuovo punto V del CCNI si limita a precisare che nei trasferimenti interprovinciali il figlio che assiste il genitore non gode di nessuna precedenza.

La nostra scheda

Le precedenze riguardano invece

  1. DISABILITÀ E GRAVI MOTIVI DI SALUTE
  2. PERSONALE TRASFERITO D'UFFICIO NEGLI ULTIMI OTTO ANNI RICHIEDENTE ILRIENTRO NELLA SCUOLA O ISTITUTO DI PRECEDENTE TITOLARITÀ
  3. PERSONALE CON DISABILITÀ E PERSONALE CHE HA BISOGNO DI PARTICOLARI CURE CONTINUATIVE
  4. PERSONALE TRASFERITO D'UFFICIO NEGLI ULTIMI OTTO ANNI RICHIEDENTE IL RIENTRO NEL COMUNE DI PRECEDENTE TITOLARITÀ
  5. ASSISTENZA AL CONIUGE, ED AL FIGLIO CON DISABILITÀ; ASSISTENZA DA PARTE DEL FIGLIO REFERENTE UNICO AL GENITORE CON DISABILITÀ in situazione di gravità limitatamente alla fase A 
  6. ; ASSISTENZA DA PARTE DI CHI ESERCITA LA TUTELA LEGALE
  7. PERSONALE CONIUGE DI MILITARE O DI CATEGORIA EQUIPARATA
  8. PERSONALE CHE RICOPRE CARICHE PUBBLICHE NELLE AMMINISTRAZIONIDEGLI ENTI LOCALI
  9. PERSONALE CHE RIPRENDE SERVIZIO AL TERMINE DELL'ASPETTATIVA SINDACALE DI CUI AL C.C.N.Q. SOTTOSCRITTO IL 7/8/1998

ART. 29 – SERVIZIO PRESSO OSPEDALI E ISTITUZIONI PENITENZIARE
ART. 30 – SERVIZIO PRESSO I CORSI PER ADULTI

La nostra scheda

Tutto sulla mobilità  La consulenza su http://chiediloalalla.orizzontescuola.it/

Segui tutte le news direttamente sul tuo cellulare con il  nostro canale gratuito Telegram

La community – il forum di OrizzonteScuola.it

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia