Mobilità: fac simile allegati alla domanda di trasferimento

Di Lalla
WhatsApp
Telegram

L'Ufficio Scolastico di Agrigento ha diffuso dei facsimile di allegati utili per la domanda di trasferimento per l'a.s. 2015/16.

L'Ufficio Scolastico di Agrigento ha diffuso dei facsimile di allegati utili per la domanda di trasferimento per l'a.s. 2015/16.

Questi allegati (fac simile, quindi modificabili e adattabili alle esigenze individuali ) forniscono un supporto a tutti i docenti interessati alle operazioni di mobilità per l'a.s. 2015/16. Lo speciale di Orizzontescuola.it Guide, consulenza, normativa

Le domande vanno corredate dalle dichiarazioni dei servizi prestati, redatte in conformità ai modelli D riportati negli allegati all' O.M. 4/2015, e cioè

Allegato D scuola d'infanziascuola primariascuola secondaria

Allegato E Bonus 10 punti per chi non ha presentato per un triennio continuativo, tra l’a.s. 2000/2001 e l’a.s. 2007/2008, né domanda volontaria di trasferimento né domanda di mobilità professionale nell’ambito della provincia di titolarità) Dichiarazione punteggio aggiuntivo

Allegato F Dichiarazione servizio continuativo

Allegato F1 Dichiarazione servizio continuativo lingua straniera scuola primaria

A questi si possono aggiungere altri allegati per documentare altre indicazioni inserite nella domanda

Pluridichiarazione

E' possibile inserire in un'unica dichiarazione il possesso di promozioni per merito distinto, l'inclusione nella graduatoria di merito in pubblico concorso per esami , i diplomi di specializzazione, i diplomi universitari, i corsi di perfezionamento, i diplomi di laurea, il dottorato di ricerca. Facsimile pluridichiarazione

Esigenze di famiglia – Vai al facsimile

N.B. Lo stato di figlio maggiorenne che, a causa di infermità o difetto fisico o mentale, si trovi nell'assoluta o permanente impossibilità di dedicarsi ad un proficuo lavoro, deve essere documentato con certificazione o copia autenticata della stessa rilasciata dalla A.S.L. o dalle preesistenti commissioni sanitarie provinciali.

Il ricovero permanente del figlio, del coniuge o del genitore deve essere documentato con certificato rilasciato dall'istituto di cura. Il bisogno, da parte dei medesimi, di cure continuative tali da comportare di necessità la residenza o il domicilio nella sede dell'istituto di cura, deve essere, invece, documentato con certificato rilasciato da ente pubblico ospedaliero o dall'azienda sanitaria locale o dall'ufficiale sanitario o da un medico militare.

Ai sensi dell'art. 94, comma 3, della L. 289/02, la situazione di gravità delle personale con sindrome di Down può essere documentata, anche ai fini della mobilità, mediante certificazione del medico di base.

L'interessato deve, altresì, comprovare con dichiarazione personale, redatta a norma delle disposizioni contenute nel D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 e successive modifiche ed integrazioni, che il figlio, il coniuge, il genitore può essere assistito soltanto nel comune richiesto per trasferimento, in quanto nella sede di titolarità non esiste un istituto di cura presso il quale il medesimo può essere assistito.

Per i figli tossicodipendenti l'attuazione di un programma terapeutico e socio-riabilitativo deve essere documentato con certificazione rilasciata dalla struttura pubblica o privata in cui avviene la riabilitazione stessa (artt.l14, 118 e 122 D.P.R. 9.10.1990, n. 309). L'interessato deve comprovare, sempre con dichiarazione personale, che il figlio tossicodipendente può essere assistito soltanto nel comune richiesto per trasferimento, in quanto nella sede di titolarità non esiste una struttura pubblica o privata presso la quale il medesimo può essere sottoposto a programma terapeutico e socio-riabilitativo, ovvero perché in tale comune – residenza abituale – il figlio tossicodipendente viene sottoposto a programma terapeutico con l'assistenza di un medico di fiducia come previsto dall'art. 122, comma 3, citato D.P.R. n. 309/1990. In mancanza di detta dichiarazione, la documentazione esibita non viene presa in considerazione.

L'interessato può attestare con dichiarazioni personali l'esistenza di figli minorenni (precisando in tal caso la data di nascita), lo stato di celibe, nubile, coniugato, vedovo o divorziato, il rapporto di parentela con le persone con cui chiede di ricongiungersi, la residenza e il domicilio delle medesime.

La residenza del familiare deve essere attestata con dichiarazione personale redatta ai sensi delle disposizioni contenute nel D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 e successivemodificheed integrazioni,nella quale l'interessato deve dichiarare che la decorrenza dell'iscrizione anagrafica è anteriore di almeno tre mesi alla data di pubblicazione all'albo dell'ufficio territorialmente competente dell'O.M. concernente la mobilità. Il domicilio deve essere attestato con dichiarazione personale redatta ai sensi della normativa suddetta, nella quale l'interessato deve dichiarare che la decorrenza dell' elezione del domicilio è anteriore di almeno tre mesi alla data di pubblicazione all'albo dell'ufficio territorialmente competente dell'O.M. concernente la mobilità. Dichiarazione residenza anagrafica

Altre dichiarazioni utili

Dichiarazione coniuge che non puo' assistere.doc    
Dichiarazione di residenza anagrafica.doc    
Dichiarazione esigenze di famiglia.doc    
Dichiarazione figli fratelli sorelle(per art. 33 c. 5,7 legge 104).doc    
Dichiarazione personale legge 104 fratelli_sorelle.doc    
Dichiarazione possesso abilitazione specifica.doc    
Dichiarazione presentazione documentazione 104.doc    
Dichiarazione titoli posseduti.doc    
Dichiarazione titolo di sostegno.doc    
Dichiarazione utilizzazione in classe di concorso.doc    
Dichiarazioni legge 104 genitore_coniuge_figlio_disabile.doc



WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur