Mobilità. Costituito il comitato 8000esiliatifaseb GAE

di redazione
ipsef

Il 13 luglio 2016 presso lo studio del Notaio Giuseppe Bonaccorso in Caltagirone è stato costituito su iniziativa di un gruppo di docenti il comitato 8000esiliatifaseb GAE con sede in Avola.

Il 13 luglio 2016 presso lo studio del Notaio Giuseppe Bonaccorso in Caltagirone è stato costituito su iniziativa di un gruppo di docenti il comitato 8000esiliatifaseb GAE con sede in Avola.

Il comitato, di rilevanza nazionale, che ha come finalità quella di tutelare i diritti umani, sociali, civili e lavorativi dei docenti della Scuola Pubblica immessi in ruolo nella FASE B della L. 107/2015 (cd. Buona Scuola) dalle Graduatorie ad Esaurimento di ogni ordine e grado, ha già preso contatti con un importante studio legale di nomea nazionale al fine di intraprendere le necessarie azioni giudiziarie a tutela dei diritti dei citati docenti che sono stati pesantemente penalizzati dalle procedure di immissione in ruolo per fasi, e successivamente dalle procedure di mobilità previste dalla L. 107/2015 e dal CCNI siglato con i sindacati.

I docenti immessi in fase B infatti, nonostante fossero in posizioni in graduatoria favorevole (in molti casi occupavano i primissimi posti nelle GAE) sono stati destinati a scuole a migliaia di Km da casa e su classi di concorso diversa da quelle dove avevano sempre lavorato (azzerandone di fatto i punteggi), mentre gli ultimi in graduatoria sono stati immessi con il cd. “potenziamento” sulla propria classe di concorso vicino casa (molti di questi non avevano mai insegnato).

Alla grave ingiustizia, perpetrata con l’immissione in ruolo per fasi, si è aggiunta l’ingiustizia della mobilità per fasi che non tiene conto di fattori oggettivi come anzianità di servizio e titoli ed impedisce la mobilità professionale per rientrare nella propria classe di concorso, in palese contrasto con i dettami costituzionali, stabilendo criteri di precedenza e vincoli del tutto arbitrari.

I soci fondatori hanno eletto il consiglio direttivo che è presieduto dalla prof.ssa Nella Fronterrè (Sicilia) con vice presidente Filomena Pinca (Basilicata), la professoressa che a Matera, in occasione di un convegno, contestò il premier Matteo Renzi riuscendo poi a farsi ricevere dallo stesso premier a margine del convegno. Fanno parte del consiglio direttivo anche i docenti Antonietta Di Giacomo, Maria Ramunno, Angela Gregorio.

Il gruppo che ha dato vita al comitato è conosciuto ormai su Twitter con l’hashtag #8000esiliatifaseb GAE, che occupa ormai da mesi i primi posti nei topics di politica sul noto social.

Nel giro di pochissime ore le richieste di adesione al comitato sono già seicento provenienti da ogni parte d'Italia. Nei prossimi giorni saranno nominati i referenti regionali ai quali i docenti di ciascuna regione potranno fare riferimento. Lo statuto e la modulistica sono disponibili sul blog http://8000esiliatifasebgae.blogspot.it/.

Con preghiera di pubblicazione.

per l'Ufficio Stampa

Mariarosa Bonanno

Versione stampabile
anief anief
voglioinsegnare