Mobilità, Anci Sicilia: evitare l’esodo, troppe le ricadute negative sul piano socio-econmico

WhatsApp
Telegram

L'Anci Sicilia interviene ancoro sul rischio esodo per i docenti siciliani coinvolti nella mobilità straordinaria 2016/17, evidenziando le conseguenze negative che potrebbero derivare dal trasferimento di migliaia di insegnanti nelle Regioni del Centro-Nord. 

L'Anci Sicilia interviene ancoro sul rischio esodo per i docenti siciliani coinvolti nella mobilità straordinaria 2016/17, evidenziando le conseguenze negative che potrebbero derivare dal trasferimento di migliaia di insegnanti nelle Regioni del Centro-Nord. 

Leoluca Orlando, presidente dell'associazione, e Mario Emanuele Alvano, segretario generale, aprono il loro intervento esprimendo solidarietà ai docenti suddetti e poi ribadiscono la necessità di evitare l'esodo.

L'Anci Sicilia, come suddetto, è assolutamente contraria al trasferimento di numerosissimi docenti per le ricadute negative che ciò potrebbe avere sull'economia dell'Isola e sul suo tessuto sociale, culturale professionale.

"La nostra Associazione – spiegano Orlando e Alvano all'ANSA-  rispetto a un tema sollevato anche dall'Osservatorio Diritti Scuola è convinta della necessità di evitare che la nostra terra  venga privata anche di questo preziosissimo capitale umano e  teme fortemente le ripercussioni sull'equilibrio socio-economico dell'Isola. In un periodo di grave crisi, di calo demografico e  di impoverimento complessivo, infatti, l'allontanamento degli
insegnanti comporterebbe un ulteriore aggravamento della situazione di crisi e determinerebbe, anche, una diminuzione delle entrate dei tributi locali con il conseguente crollo  dell'offerta dei servizi resi dalle amministrazioni locali ai cittadini".

WhatsApp
Telegram

Adempimenti dei Dirigenti scolastici per l’avvio del nuovo anno scolastico: scarica o acquista il nuovo numero della rivista per Dirigenti, vicepresidi, collaboratori del DS e figure di staff