Mobilità. Alcuni docenti rimangono nella provincia del 2015/16, almeno fino alla decisione del TAR del 20 ottobre

Stampa

L'Ufficio Scolastico di Roma ha pubblicato alcuni decreti con i quali riconferma alcuni docenti neoimmessi in ruolo nell'a.s. 2015/16 nella provincia " sede di assegnazione provvisoria dell'a.s. 2015/2016"

L’Ufficio Scolastico di Roma ha pubblicato alcuni decreti con i quali riconferma alcuni docenti neoimmessi in ruolo nell’a.s. 2015/16 nella provincia ” sede di assegnazione provvisoria dell’a.s. 2015/2016″

Si tratta infatti della doverosa necessità (parole del decreto) in attesa della trattazione collegiale della domanda cautelare del 20 ottobre p.v. e fatti comunque salvi gli esiti dell’appello al Consiglio di Stato promosso dal MIUR, di eseguire il Decreto cautelare del TAR Lazio di sospensione dell’O.M. 241 del 8/4/2016 assegnando ai ricorrenti le sedi richieste.

Il Dirigente Scolastico provvederà a comunicare al docente già trasferito su tale cattedra o che sarà trasferito a completamento della II fase della mobilità, la situazione di soprannumerarietà ai fini della presentazione della domanda di utilizzazione.

L’efficacia del decreto è condizionata agli esiti del giudizio di merito del ricorso, la cui trattazione è stata fissata dal TAR Lazio nell’udienza pubblica del 20 ottobre 2016. In ogni caso sono fatti salvi gli effetti dell’eventuale accoglimento dell’appello proposto dall’Amministrazione in via di urgenza al Consiglio di Stato.

Dunque le decisioni assunte da Amministrazioni e sindacati vengono attaccate su più fronti. Ieri infatti avevamo parlato della decisione del giudice del lavoro di dare ragione, con istanza cautelare, ad una docente della Campania che, al momento, non dovrà trasferirsi.

Mobilità, algoritmo fermato dai giudici. Docente non dovrà trasferirsi al nord

Stampa

Dattilografia + ECDL: 1,60 punti per il personale ATA a soli 160€!