Mobilità: docenti neo immessi in ruolo, blocco quinquennale (per chi non vale), trasferimenti personale ATA per l’a.s. 2013/14

Di Lalla
Stampa

red – Prime indicazioni del sindacato SAB per la mobilità 2013/14. Ricordiamo che non è ancora possibile presentare la domanda, a causa di alcuni ritardi nell’approvazione definitiva del Contratto, ma che essa dovrà essere inoltrata in modalità esclusivamente telematica.

red – Prime indicazioni del sindacato SAB per la mobilità 2013/14. Ricordiamo che non è ancora possibile presentare la domanda, a causa di alcuni ritardi nell’approvazione definitiva del Contratto, ma che essa dovrà essere inoltrata in modalità esclusivamente telematica.

In particolare, il personale docente e educativo, neo immesso in ruolo, con decorrenza giuridica dall’1/9/12 che non ha potuto assumere servizio da tale data perché immesso in ruolo dopo il 31/8/2012, o se in servizio a tempo determinato, deve presentare la domanda di trasferimento per ottenere la sede definitiva; in mancanza di domanda o di disponibilità per le sedi prescelte, l’assegnazione avverrà d’ufficio.

Inoltre, chi ha ottenuto l’immissione in ruolo, anche solo ai fini giuridici, dall’1/9/2010 o anni precedenti, può presentare domanda di trasferimento e/o passaggi interprovinciali compilando i relativi allegati da inserire dopo nella domanda.

Sempre in fase di trasferimento interprovinciale, non sussiste l’obbligo quinquennale per il personale neo immesso in ruolo con precedenze di non vedente, emodializzato, per cure mediche continuative, art. 21 e 33 comma 6 della legge n. 104/92 e per chi assiste il coniuge o figli disabili in situazione di gravità.

I figli che assistono un genitore disabile in situazione di gravità, hanno diritto a usufruire della precedenza tra province diverse esclusivamente nelle operazioni di mobilità annuale (utilizzazione e assegnazione provvisoria) e non per i trasferimenti.

Per il personale ATA che intende partecipare al trasferimento e/o passaggio di profilo, sia provinciale sia interprovinciale, premesso che per detto personale non sussiste l’obbligo di permanenza quinquennale per le operazioni di mobilità interprovinciale, dovrà presentare le domande esclusivamente on line e quindi dovrà predisporre gli allegati richiesti per poi inserirli in domanda, con l’invito ad approntarli per tempo vista la complessità della dichiarazione dei servizi pre-ruolo, tutti valutabili.

Il sindacato SAB invita gli iscritti, i simpatizzanti e tutti coloro che vogliono assistenza sindacale in vista della pubblicazione del contratto sui trasferimenti e passaggi, di prendere contatti con le sedi SAB al fine di predisporre, in tempo utile, gli allegati necessari per la compilazione delle prossime domande da presentare esclusivamente via on line.

F.to Prof. Francesco Sola

Segretario Generale SAB

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia