Mobilità, il 6 dicembre firma ipotesi contratto 2013 2014

di Lalla
ipsef

Lalla – Le Organizzazioni sindacali concordano nel non modificare l’impianto strutturale (eccessivamente confusionario) già riproposto negli anni precedenti del contratto mobilità 2013 2014. Probabilmente giovedì 06 dicembre si arriverà alla firma dell’ipotesi di contratto da trasmettere alla Funzione Pubblica. Rimane la stortura del titolo Ssis non valutato e il dubbio sulla mobilità professionale per i docenti assunti in ruolo dal 1° settembre 2011.

Lalla – Le Organizzazioni sindacali concordano nel non modificare l’impianto strutturale (eccessivamente confusionario) già riproposto negli anni precedenti del contratto mobilità 2013 2014. Probabilmente giovedì 06 dicembre si arriverà alla firma dell’ipotesi di contratto da trasmettere alla Funzione Pubblica. Rimane la stortura del titolo Ssis non valutato e il dubbio sulla mobilità professionale per i docenti assunti in ruolo dal 1° settembre 2011.

La Funzione Pubblica avrà un mese di tempo per dare il proprio consenso, per cui la presentazione delle domande è ipotizzabile per il mese di febbraio 2013.

La contrattazione sull’ipotesi di contratto per la mobilità vede schierati tutte le organizzazioni sindacali nel non modificare un impianto così definito da più di un decennio, anche se esso non corrisponde del tutto alle esigenze del personale e ne mortifica la professionalità.

Viene dunque confermato anche quest’anno che il punteggio va assegnato solo al personale immesso nei ruoli con concorso ordinario, dimenticando del tutto il percorso Ssis.

Da anni infatti le tabelle dei titoli per la mobilità sono invariate e contemplano solo l’attribuzione di 12 punti al concorso ordinario, mentre non valutano il percorso Ssis, nè a livello concorsuale, nè come specializzazione, nè i corsi riservati con i quali è stato possibile conseguire l’abilitazione nel corso degli ultimi 10 anni, nè la specializzazione per le attività didattiche di sostegno e solo in parte il corso di Laurea in Scienze della formazione primaria

Ne avevamo già parlato nell’articolo

Neo immessi in ruolo: nelle domande di mobilità prende punti solo il concorso ordinario

Vi è da aggiungere quest’anno la questione del passaggio di cattedra e/o ruolo per il personale assunto a tempo indeterminato dal 1° settembre 2011 e sottoposto al vincolo quinquennale nella provincia di immisione in ruolo.

Già lo scorso anno il sindacato FLC CGIL aveva indicato nella mobilità professionale (passaggio di cattedra e/o di ruolo) la possibilità di aggirare l’ostacolo

FLC CGIL su blocco mobilità interprovinciale. Come venirne fuori

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione