Mobilità 2016/7. Fase B vs fase C. Per docente in ruolo da oltre 10 anni: sarà negli ambiti territoriali

Stampa

Riportiamo le ultime risposte dei nostri consulenti nella rubrica "Chiedilo a Lalla". Ricordiamo che per le istituzioni scolastiche abbiamo approntato un canale di consulenza gratuita e con risposta garantita.

Riportiamo le ultime risposte dei nostri consulenti nella rubrica "Chiedilo a Lalla". Ricordiamo che per le istituzioni scolastiche abbiamo approntato un canale di consulenza gratuita e con risposta garantita.

Il docente in ruolo con sede definitiva che non partecipa alla mobilità 2016/17, mantiene la titolarità nella scuola

Luca – Gent.mi, scrivo per un quesito che non ho trovato nel vostro spazio dedicato alle consulenze. Un docente già da tempo in ruolo, che non intenda mai inoltrare domanda di trasferimento, rimane per sempre nella sua sede di titolarità o ogni 3 anni è soggetto a far rinnovare il proprio incarico da parte del dirigente scolastico, con il rischio di finire anche lui negli ambiti territoriali semmai suddetto incarico non fosse rinnovato? Ringrazio per la cortesia e saluto calorosamente.

Mobilità 2016/17 per docente in ruolo da oltre 10 anni: sarà negli ambiti territoriali

Laura – Insegno nella scuola primaria con contatto a tempo indeterminato dal 2001. Volevo cortesemente sapere a cosa vado incontro se quest’anno dovessi chiedere un trasferimento in un’ altra scuola all’interno dello stesso comune. Rientro anche io nella nuova legge sulla mobilità considerando gli anni di servizio e il trasferimento all’interno dello stesso comune?

Mobilità 2016/7: fase B vs fase C

Cara Lalla, Sono una delle tanti insegnati che dopo la “calda” e travagliata estate scorsa ha ottenuto la tanta sospirata proposta di assunzione in fase b. Purtroppo, dalla percezione di un momento di grande gioia e felicità all’amarezza e la delusione vissuta, il passaggio è stato breve. Da novembre colleghi, amici e conoscenti sono stati chiamati per la proposta di assunzione in fase c nella stessa città di appartenenza. Il tutto è stato perpetrato a discapito di chi aveva un punteggio più alto in graduatoria e che ad oggi si trova ad insegnare a chilometri di distanza con tutti i disagi che ne conseguono. Il prossimo anno, con la richiesta di mobilità straordordinaria, come verrà gestita la questione?

chiedilo a Lalla

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur