Mobilità 2016/17. Sostegno secondo grado, neo assunti: no conferma scuola attuale servizio. Per l’A.T. di Torino devono presentare domanda mobilità

Stampa

L'attribuzione della sede di titolarità ai docenti DOS è prevista, com'è noto, dall'articolo 7 dell'Ipotesi di CCNI a.s. 2015/2016. 

L'attribuzione della sede di titolarità ai docenti DOS è prevista, com'è noto, dall'articolo 7 dell'Ipotesi di CCNI a.s. 2015/2016. 

Gli Ambiti Territoriali Provinciali hanno già dato disposizioni in merito, tuttavia regna un certa confusione relativamente ai docenti di sostegno della scuola secondaria di II grado assunti nel corrente anno scolastico, come testimoniano due circolari dell'A.T. di Torino.

Detto ambito territoriale, il 24/03/16, aveva pubblicato una circolare  indirizzata alle istituzioni scolastiche affinché proponessero ai docenti DOS la conferma nelle sede attuale di servizio.

Nella circolare si parlava di DOS in generale senza distinguere tra neo immessi e docenti di ruolo ante 2015, tuttavia tra i modelli allegati uno riguardava i docenti neo assunti nelle fasi 0 – A – B- C del piano straordinario di immissione in ruolo.

Quindi, stando alla nota del 24 marzo, tutti i DOS neo assunti potevano richiedere la conferma nella scuola di attuale servizio.

Il 30 marzo u.s., lo stesso A.T. pubblica un'altra circolare che rettifica la precedente, in cui si afferma che tutti i DOS neo assunti devono presentare domanda di mobilità e non possono, quindi, richiedere alcuna conferma.

Sarebbe opportuno uno specifico chiarimento da parte del MIUR, anche perché tra i docenti neo assunti vi sono differenze di non poco conto: i docenti assunti in fase 0 e A, così come quelli assunti nelle fasi B e C da concorso hanno già una provincia di titolarità, diversamente dai docenti assunti nelle fasi B e C da GaE.

Abbiamo affrontato la questione, relativamente ai docenti assunti in fase 0 e A nell'articolo "Mobilità. DOS: I docenti neo assunti in fase 0 e A possono chiedere conferma nella scuola di attuale utilizzo?"

Auspichiamo che il MIUR intervenga al più presto.

Tutto sulla mobilità

 

 

 

Stampa

Didattica digitale integrata. Eurosofia ha creato un innovativo ciclo formativo per acquisire le competenze specifiche